King Kobra – Recensione: King Kobra

Un approccio moderno e tagliente alla materia hard rock, i King Kobra firmano con questo comeback omonimo un assalto sonoro non privo di ammiccamenti all’AOR diretto e più muscoloso. E proprio quando ciò accade, tradendo le loro radici ben piantate negli stilemi ottantiani, i nostri danno il meglio di sé: è il caso dell’agile “Live Forever”, che sembra uscita dal repertorio di Joe Lynn Turner, e della successiva title track, maestosa e d’impatto come solo una volta si aveva il coraggio di fare.

Una marcia in più per questo gradito ritorno è garantita da Paul Shortino, che si occupa con grinta e passione delle incombenze dietro al microfono. La presenza alla batteria del fondatore della band Carmine Appice garantisce la consueta potenza, e quella degli altri tre che formavano la line-up originale (David Michael-Philips e Mick Sweda alla chitarra, Johnny Rod al basso) si traduce in amalgama e divertimento che traspare nota dopo nota. Rispetto al debutto dell’84, in pratica, l’unico assente è Mark Free, che proprio con i King Kobra aveva cominciato a farsi conoscere: Shortino si muove su coordinate molto diverse, è vero, ma proprio per questo funziona, sopperendo con la grinta allo splendore vocale di Free.
Pur cedendo a qualche filler, l’album è decisamente sopra la media grazie ad un flusso costante di energia e di passione che fa passare sullo sfondo l’età anagrafica dei protagonisti. Assolutamente entusiasmante con il suo chorus “in-your-face” “Top Of The World”, esempio fuori dal tempo di come si scrive un perfetto pezzo di arena rock, e gioca sulle corde delle emozioni istintive pure la ballatona “Cryin’ Turns To Rain”, mentre nel crepuscolo elettroacustico di “Fade Away” Shortino dimostra tutta la sua classe, andando a colorare di brivido un brano altrimenti ordinario.

Una bella sorpresa ritrovarli ancora in forma, ventisette anni dopo l’esordio. Hard rock ruggente e di classe come fa sempre bene ascoltare.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Frontiers

Anno: 2011

Tracklist:

01. Rock This House
02. Turn Up The Good (Times)
03. Live Forever
04. Tear Down The Walls
05. This Is How We Roll
06. Midnight Woman
07. We Got A Fever
08. Top Of The World
09. You Make It Easy
10. Cryin' Turns To Rain
11. Screamin' For More
12. Fade Away


giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi