King Diamond: Hal Patino se ne va – “il salario era ridicolo”

Il bassista Hal Patino ha annunciato che ha lasciato i King Diamond e ora ne spiega i motivi:

Dopo 19 anni nei King Diamond, il bassista Hal Patino ha deciso di lasciare la band.

E’ triste che è andata a finire in questo modo, dopo 19 anni. Io sono sempre stato fedele a tutti al 100% nella band e ho sempre dato il mio massimo, sia sul palco sia dietro le quinte.

Fin dal primo giorno io ho sempre avuto i King Diamond alla posizione numero 1 delle mie priorità. Non ho mai perso un concerto o una prova – sono sempre stato molto preparato per le mie prestazioni. Sono stato un amico fedele ai King e ho mantenuto il mio spirito anche nei momenti più difficili.

Non voglio entrare nel merito di ogni dettaglio, ma lo stipendio che mi è stato offerto per suonare come headliner al Wacken Open Air e gli altri quattro concerti previsti per quest’estate era totalmente ridicolo.

Due giorni prima del primo giorno di prove, ho scritto una e-mail spiegando il mio punto di vista su questo argomento e allegando una proposta di salario equo e realistico per questi concerti. Per questo motivo sono stato accusato di “ricatto“! L’ho trovato irrispettoso e ho detto loro che se vengo trattato così dopo 19 anni allora forse era il caso di separarci subito! E così ho lasciato la band giovedì 17 luglio, per mia scelta.

Naturalmente non è l’unico motivo per cui ho deciso di lasciare. Si erano già verificati dei problemi durante l’ultimo tour europeo. Improvvisamente sono state messe delle regole per i miei abiti di scena e per il mio modo di esibirmi, c’erano state ripercussioni negative perché ho promosso e aiutato la band di mio figlio.

E’ tipico di King dire che sono stato licenziato – lo aveva già fatto nel 1990 quando aveva detto alla stampa che ero stato buttato fuori dalla band a causa di mancanza di entusiasmo e problemi legati alla droga. Ma non era quella la ragione.. Eravamo stati troppo tempo in tour, King aveva lasciato Roadrunner Records e io volevo andare in un’altra direzione. Ha fatto poi lo stesso coi miei migliori amici, Mikkey Dee e Pete Blakk.

Io sono in Norvegia in questo momento e suonerò due concerti con l’altra mia band, ho detto ai KD che sarei stato in grado di volare avanti e indietro, quindi non ho perso nemmeno le prime due prove – e cosa leggo subito dopo? Una dichiarazione di King in cui si dice che sono stato licenziato.

Non sento assolutamente nulla per King Diamond e la band. Io sono orgoglioso di aver fatto parte degli album classici, i giorni di gloria negli anni 80 e questo è tutto!

Ho davvero apprezzato tutti i messaggi che ho ricevuto da tante persone, e voglio solo dirvi che sono impegnato con la mia nuova band, i Nordic Beast, insieme a Mikkey Dee, John Norum and Co.

Sto continuando anche col mio altro progetto Ammunition e sto suonando e scrivendo con mio figlio Maryann Cotton, che sta lavorando con Dick Wagner e Alice Cooper sul suo nuovo album. Io sono un membro permanente della band e ho scritto il 30% dell’album insieme a Maryann. Sta venendo fuori un concept album con lo stesso spirito di “Welcome To My Nightmare” di Alice Cooper.

Sto anche pianificando un progetto solista per il futuro. Mi auguro che molti dei “fan irriducibili” che ho incontrato nel corso degli anni capiscano la mia decisione di lasciare la band. Grazie a tutti. Ci vediamo in tour con i miei altri progetti e band! Rock’n’Roll!

King Diamond

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Red Blue Griphoner

    E, però dovreste anche pubblicare la risposta di King che credo, legittimamente, sia molto esplicativa.
    Qui Hal Patino non ci fa una bella figura anzi……………..

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi