Metallus.it

Kamelot: il singolo “Opus of the Night (Ghost Requiem)”, con la partecipazione della violoncellista nominata ai Grammy Tina Guo

Comunicato stampa:

Dopo molta attesa, i titani dell’heavy sinfonico moderno KAMELOT hanno annunciato l’imminente uscita del loro disco più introspettivo, edificante e vitale – il loro primo full-length in cinque anni, The Awakening, in uscita il 17 marzo 2023 su Napalm Records“The Awakening” entra a far parte dell’eredità dei KAMELOT come il loro lavoro più massiccio e diversificato: mescola stili sinfonici, gotici, melodici, progressive e power metal e contiene alcuni dei brani più pesanti della storia della band.
 
Dopo l’uscita dell’acclamato singolo di debutto, “One More Flag in the Ground”, che i fan possono già ascoltare nelle stazioni radiofoniche rock di tutti gli Stati Uniti, oggi la band pubblica il secondo singolo, “Opus of the Night (Ghost Requiem)”, con la partecipazione della violoncellista Tina Guo, nominata ai Grammy. Presentato con un nuovo lyric video, il brano è un’emozionante continuazione tematica di una storia nata nell’album Ghost Opera del 2007, che celebra l’impatto curativo della musica sul cuore e sulla mente umana.
 
Il cantante dei KAMELOT Tommy Karevik spiega:

La musica dei KAMELOT ha sempre portato con sé un messaggio di speranza, luce e senso di risoluzione. Questa storia ne è un esempio lampante. ‘Opus of the Night’ onora il tradizionale suono oscuro e melodico della band, pur apportando alcuni elementi nuovi ed emozionanti.

Dopo aver regnato incontrastati nelle migliori classifiche internazionali con la pubblicazione di capolavori del melodic metal come “The Fourth Legacy” (1999), “The Black Halo” (2005), “Silverthorn” (2012), “Haven” (2015, #1 US Hard Rock Albums) e più recentemente l’acclamato “The Shadow Theory” (#2 US Hard Music Albums) del 2018,  l’intenso marchio di teatralità gotica e sinfonica ultramoderna dei KAMELOT è amplificato ulteriormente e con più emotività che mai in The Awakening.
 
In “The Awakening” abbondano i temi lirici ispirati e coinvolgenti della determinazione, della forza, del superamento delle battaglie personali e della crescita, provocati dai cambiamenti estremi della società e dalla schiacciante consapevolezza che abbiamo un tempo così breve per essere fedeli a noi stessi e vivere la vita al massimo.
 
Con una produzione moderna e cristallina curata dalla band e dal produttore di lunga data Sascha Paeth, oltre al missaggio e al mastering di Jacob Hansen degli Hansen Studios, il tredicesimo album in studio dei KAMELOT, simile a una colonna sonora, è arricchito dai contributi di ospiti del calibro di Melissa Bonny (Ad Infinitum) e di rinomati strumentisti come il violinista Florian Janoske e la succiutata violoncellista Tina Guo.

Brani che onorano i marchi di fabbrica dei KAMELOT come la cinematografica “The Great Divide” e l’eterno e speranzoso addio a una persona amata, “Eventide”, dimostrano che mentre “The Awakening” rimane fedele alle basi sonore che i fan hanno amato per decenni, canzoni altrettanto coinvolgenti come “One More Flag in the Ground” – un inno radiofonico sul superamento di una malattia apparentemente imbattibile e sulle sfide mentali che tutti noi dobbiamo affrontare, con l’aggiunta di parti vocali del musicista e produttore Brian Howes, vincitore del JUNO Award – mostrano una band priva di stagnazione sonora. Le composizioni profonde sono abbondanti, come l’opera lirica e pronta per il palcoscenico “Opus of the Night (Ghost Requiem)”, che presenta un doppio assolo da brivido del chitarrista Thomas Youngblood e della violoncellista ospite Tina Guo, così come l’epica “New Babylon”, carica di synth e impreziosita dal dinamico attacco vocale del frontman Tommy Karevik e di Melissa Bonny degli Ad Infinitum. Per bilanciare ulteriormente l’oscurità con la luce, “NightSky”, groovy e accorato, e “My Pantheon (Forevermore)”, ode alla conquista delle proprie avversità, vantano alcuni dei momenti più pesanti e degli assoli di chitarra più complessi dell’album, mentre inni pensosi come “Midsummer’s Eve”, di matrice celtica, e “Willow”, un’ode ai ricordi più cari, forniscono l’equilibrio necessario a un album che è già pronto per le esibizioni spettacolari che verranno.

The Awakening tracklist:
1. Overture (Intro)
2. The Great Divide
3. Eventide
4. One More Flag in the Ground
5. Opus of the Night (Ghost Requiem)
6. Midsummer’s Eve
7. Bloodmoon
8. NightSky
9. The Looking Glass
10. New Babylon
11. Willow
12. My Pantheon (Forevermore)
13. Ephemera (Outro)

The Awakening sarà disponibile nei seguenti formati:
Digital Album
CD Digipak
CD Digipak + Shirt Bundle – Napalm Records exclusive
2-LP Gatefold Vinyl Black
2-LP Gatefold Vinyl in Splatter Red + Black – Napalm Records exclusive (European webstore), limited to 500
2-LP Gatefold in Marbled White + Black – Napalm Records exclusive (North American webstore), limited to 300
48p Earbook with 7” Vinyl Single – Napalm Records exclusive, limited to 500
Wooden Boxset with Envelope Opener, Flag, Patch and Band Postcard – Napalm Records exclusive, limited to 1000
Music Cassette – Napalm Records exclusive, limited to 100

Exit mobile version