Metallus.it

Kadavar – Recensione: Rough Times

Gradito ritorno dei teutonici Kadavar che, dopo le ultime prove “Abra Kadavar” del 2013 e “Berlin” del 2015, escono con il nuovo “Rough Times” sempre su Nuclear Blast Records: il trio composto da Lupus (chitarre e voce), Tiger (batteria) e Dragon (basso) continua a sguazzare in atmosfere totalmente anni settanta e, anche stavolta, riesce a risultare oltremodo credibile ed in grado di variare la propria proposta partendo dalle radici.

Il suono saturo e grasso, tipico marchio di fabbrica del genere di appartenenza, accoglie all’apertura dell’album affidata alla title track, guizzante e dal main riff che si stampa subito in testa; “Into The Wormhole” è più melmosa, acida e con un refrain dai suoni certamente più ariosi. Un giro pesante e moderno (sembra quasi certo crossover in zona Rage Against The Machine) contraddistingue “Skeleton Blues”, controbilanciata nel ritornello dalle melodie psichedeliche, così come la voce; la più movimentata “Die Baby Die” introduce la parte migliore di “Rough Times”, dove brillano la seducente “Vampires”, “Tribulation Nation” (dall’apertura più rarefatta con tanto di organo) e il suono spaziale di “Words Of Evil”, trittico dalla potenza notevolissima.

Il terzetto conclusivo è composto da tracce un po’ diverse dalle precedenti ma che mostrano le capacità dei Kadavar di calarsi in panni diversi dai soliti: “The Lost Child” alterna momenti più tirati con passaggi rilassati e meno elettrici in un connubio ben amalgamato, mentre “You Found The Best In Me” è una vera e propria dichiarazione d’amore in stile freak che trasuda love power da ogni nota e anticipa “A L’Ombre Du Temps”, chiosa finale con recitato in lingua francese che funge da arrivederci.

Nulla di nuovo – e ci mancherebbe altro –  ma una coerenza e uno stile che non possono che strappare applausi: il songwriting, la potenza ed il guanto di velluto ci sono ed i Kadavar riescono nuovamente a consegnare con “Rough Times” un CD riuscito sotto ogni punto di vista.

Exit mobile version