Dark Avenger: Una promettentissima band brasiliana: sentiamo cosa hanno da dire! – Intervista

I Brasiliani Dark Avenger sono usciti con uno dei migliori dischi heavy metal degli ultimi anni, dopo una lunghissima attesa finalmente disponibile anche in Europa. Sentiamo cosa hanno da dire il leader Mario Linhares e il nuovo bassista Fabio Hejera, freschi del loro contratto con la Scarlet! Riusciranno a conquistare il vecchio continente, dopo i successi in madrepatria? Ciao ragazzi! Volete descrivere ai nostri lettori la storia della vostra band? Da quanto tempo siete assieme? Chi sono stati i membri originari?

‘ (Mario Linhares) La band si è formata all’inizio del 1993 quando io mi sono unito a Leonel Valdez e Wagner Marcello per dare vita agli Atena, una band di Brasilia (la capitale del Brasile) dedita a un rock’n’roll cantato in portoghese. Insoddisfatto dello stile degli Atena decisi di dedicarmi al tipo di musica che mi piaceva veramente: l’heavy metal anni ’80 di band come Manowar, Helloween, Iron Maiden, Metal Church, Judas Priest, etc. e, con la collaborazione di Leonel, si cominciarono ad introdurre cambiamenti nella band, a partire dal nome che divenne RatWhite. Su suggerimento del bassista Marcello, però, lasciammo perdere quel nome, e da allora siamo noti come Dark Avenger. Quindi, cominciammo a scrivere canzoni diverse, in inglese e con caratteristiche powermetal. Nel Febbraio 1994 abbiamo registrato il nostro primo ed unico demo-tape, a titolo ‘Choose Your Side. Heavy Or Hell’, che conteneva quattro canzoni: ‘Die Mermaid!’, ‘Half Dead Eyes’, ‘Madelayne’ e ‘Ghost Divinity’. Nel 1995, con la formazione composta da Leonel e Osiris Di Castro (chitarre), Gustavo Vieira (basso), Luciano Toledo (batteria), Rafael Galvao (tastiere) ed io (voce), abbiamo registrato il debut album per conto della Zen Records. Questo album, che contiene 11 pezzi è stato acclamato dai metal fan e dalla stampa specializzata, giornali come Rock Brigade (Brasile), Metallica (Argentina), Silent Noise e Burrn! (Giappone), ed anche alcuni degli USA. Quindi i Dark Avenger hanno ricevuto l’offerta della Scarlet, l’etichetta italiana, per fare uscire l’album anche in Europa. E’ un grande risultato! Subito dopo l’uscita dell’album la line-up è cambiata, e ora i chitarristi sono Marcelo Barbosa e Julio Cesar (peccato, perché quelli di prima erano veramente bravi, come anche segnalato in sede di recensione! – N.d.A.) e il bassista è Fabio Hejera.’ Il vostro album di debutto è finalmente uscito in Europa dopo tre anni… cosa vi aspettate ora? E’ stato un successo dalle vostre parti?

‘ (Mario Linhares) In effetti il nostro lavoro su questo disco risale a parecchio tempo fa! Ma devi considerare che l’intero processo di songwriting e registrazione ci ha portato via circa un anno di tempo, dopodiché abbiamo fatto uscire il disco solo in Sud America… e dopo due anni ecco il contratto con la Scarlet. Quindi alla fine gli anni sono anche più di tre! Ora stiamo lavorando al nuovo disco, che si intitolerà ‘Tales Of Avalon’. Il contratto con la Zen per il primo album è stato un’ottima cosa, dal momento che sono proprietari di uno dei migliori studi di registrazione del Brasile, e per noi era una cosa fondamentale che il disco fosse prodotto bene… Il problema è però che loro hanno un contratto di distribuzione per il solo Sud America, dove d’altronde ha venduto molto bene, quindi abbiamo firmato per la Scarlet, che invece curerà la distribuzione europea. Questa è una cosa importantissima per noi, dato che molti ragazzi europei ci avevano chiesto il disco, ma senza un contratto di distribuzione era impossibile soddisfare le richieste! Ora la Scarlet sta lavorando duramente sulla promozione e la distribuzione, e questo è solo l’inizio della nostra collaborazione. Abbiamo dovuto aspettare a lungo perché non avevamo ricevuto nessuna proposta seria, ma appena si sono offerti loro abbiamo firmato al volo.’ Cosa ci potete dire della scena metal nel vostro paese? In Europa i nomi noti sono soprattutto quelli di Angra e Sepultura… Ma la scena in generale è viva? Ci sono altre band, oltre ai Dark Avenger, che voi ritenete possano meritare un successo maggiore?

‘ (Fabio Hejera) Gli Angra sono la band più importante della scena Brasiliana, chiaramente! Il loro stile è abbastanza diverso dal nostro, ma sono grandi: d’altronde noi siamo più aggressivi, ma abbiamo comunque in comune delle cose, come ad esempio l’uso di certe melodie e un approccio di stampo tecnicista. Matos e Mario sono due grandi cantanti, penso siano fra i migliori in assoluto. Sono in grado di cambiare l’atmosfera di una canzone solo grazie alla loro voce e Mario sta migliorando giorno dopo giorno! Aspetta di sentire il nuovo disco! Gli Angra hanno aiutato molte band brasiliane, hanno aperto la porta ad altre band power e speed provenienti dal nostro paese, dopo che c’era stata l’esplosione di gruppi estremi come i Sepultura! Ci sono davvero tantissime band, e molte di loro sono davvero brave: una delle mie preferite sono gli Eterna, una specie di incrocio fra Symphony X, Dream Theater e Rainbow. Molto potenti e tecnici, oltre che melodie vocali da paura… pensa che hanno due cantanti!!!’Cosa mi dite delle vostre influenze? E’ chiaro che quelle principali sono di band come Maiden, Priest, Manowar e così via… C’è qualcosa di più insolito e lontano dal metal “classico” che vi piace ascoltare?

‘ (Fabio Hejera) Gli Iron Maiden sono Dei, e non c’è bisogno che io aggiunga niente! Non me ne frega niente se hanno avuto problemi di line-up e se gli ultimi album sono tutto fuorchè capolavori. Non dimenticherò mai cosa hanno fatto negli anni ’80… sono la miglior band di quegli anni! Anche i Priest e i Maiden sono grandi, per non parlare dei Fates Warning! Una band fenomenale, di cui adoriamo sia i dischi vecchi che quelli del periodo ‘Perfect Simmetry’. Anche gli ultimi album sono ottimi, anche se devo dire di preferire i primi. ‘Awaken The Guardian’, ‘The Spectre Within’ e ‘No Exit’ sono proprio eccezionali! Sono una nostra grande influenza, e se parliamo di prog-metal non meno importanti sono i Queensryche… queste due band sono le migliori! Il prog-metal è grande, e noi adoriamo alcune di quelle band… Ascoltiamo diversi tipi di musica, non solo l’heavy metal! Ci piace anche il prog-rock, qui in Brasile questa scena è veramente forte, e, ad esempio, le band italiane dei 70’s sono rispettatissime’

‘ (Mario Linhares) La nostra passione sono band come Maiden, Metal Church, Manowar, Black Sabbath, Helloween, Malmsteen, Crimson Glory. E chiaramente tutti questi ci hanno influenzato parecchio, soprattutto agli inizi! Noi siamo dediti a un metal puramente ottantiano, e non c’entriamo molto con le band sinfonico-epiche che oggi sono lo standard… sai quello che intendo, no? Preferisco il suono degli eighties perché quello è il vero suono heavy metal! Penso che la nostra caratteristica fondamentale sia il grande feeling che delle nostre canzoni e la miscela di tre elementi: potenza, tecnica e melodia! Vogliamo suonare musica che sia molto energetica, ma anche ben suonata, con linee vocali fantastiche e grandi assoli! Prima lavoriamo sulla struttura dei pezzi, ma poi vogliamo che ogni cosa sia perfetta, ecco perchè il nostro power metal è tutto fuorchè ‘easy-played’, ma è anzi molto tecnico e ricco di soluzioni ed atmosfere differenti.’Parliamo del nuovo disco, cui so che state già lavorando. Ricalcherete la linea di ‘Dark Avenger’ o avete intenzione di sviluppare il vostro sound con l’aggiunta di nuovi elementi?

‘ (Fabio Hejera) Si, in questo momento stiamo lavorando al nuovo album, a titolo ‘Tales Of Avalon’. Sarà un concept diviso in due parti, ‘The Terror’ e ‘The Lament’, che narrano le avventure epiche del Magico Regno di Avalon e di Camelot, le passioni e gli intrighi, la magia e il fanatismo, i tradimenti e le guerre che hanno portato Avalon all’oblio e al trionfo finale del cristianesimo nella bella terra d’Albione. La storia è raccontata attraverso 27 canzoni, tutte narrate in prima persona e, tramite gli occhi dei Dark Avenger, il pubblico rivivrà tutti gli avvenimenti e i sentimenti di quei giorni. Aspettati una vera e propria ‘metal opera’ con molte atmosfere diverse. Siamo migliorati tantissimo come musicisti e autori, te ne renderai conto! Non so ancora quando uscirà, speriamo per Marzo/Aprile del 2001!’ Mario, chi sono i tuoi cantanti preferiti? Hai seguito dei corsi di canto?

‘ (Mario Linhares) Personalmente adoro Bruce Dickinson, Geoff Tate e Michael Kiske. Si, chiaramente ho preso lezioni, e continuo a farlo tutt’ora… E’ una cosa fondamentale, che mi ha aiutato tantissimo!’ Per concludere, ci sono band italiane che vi piace ascoltare?

‘ (Fabio Hejera) Le più note sono Rhapsody e Labyrinth, hanno avuto un grande successo qui in Sud America. Altre buone band italiane sono Time Machine, Vision Divine e Skylark. La Scarlet poi ha sotto contratto band davvero interessanti, come Khali e Centurion. Poi loro mi hanno fatto sentire i Necrodeath e sono grandi davvero: Death/black molto professionale e suonato veramente bene!’

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login