Aura Noir – Recensione: Increased Damnation

Singolare release per gli Aura Noir: ‘Increased Damnation’ è infatti una via di mezzo fra una raccolta di inediti/tracce più o meno rare ed una ristampa, visto che contiene anche una versione completamente rimasterizzata del mini album di debutto. Per quanto riguarda gli episodi ‘inediti’ (risalenti agli anni 1996/98), va segnalata la presenza di Blasphemer dei Mayhem alle chitarre e, in ‘Mirage’ e ‘Tower Of Limbs And Fevers’, di Fenriz alla voce, oltre al maelstrom sonico creato dai quattro brani live. A livello musicale poco da rimarcare: gli Aura Noir suonano black grezzo ed intransigente che sprizza ‘heavy-fucking-metal attitude’ da ogni poro, ma non si può certo gridare al miracolo per un gruppo che, in affollatissima compagnia, si è limitato a prendere la NWOBHM (ah, i Venom…), i Black Sabbath, e ‘Kill’em All’ (ri)suonando il tutto a 78 giri abbondanti al minuto.

Di sicuro ci si può divertire a fare headbanging contro il violento rigurgito sonoro generato dal duo Apollyon&Aggressor, si può disquisire sull’indole incompromissoria ed il famigerato ‘alone oscuro calato dalla Norvegia sul mondo metallico’, ma rimane innegabile che la musica degli Aura Noir oltre alla foga ed al (più che desiderato) ‘marciume underground’ non vuole e non è in grado di andare…

Tutto questo con un’unica eccezione: la versione originale di ‘Tower Of Limbs And Fevers’, due minuti di follia registrati con un semplice quattro piste nel ’94 e posti in conclusione del CD, è davvero in grado di trasmettere sensazioni malsane e deliranti.

Voto recensore
6
Etichetta: Hammerheart/A.globe

Anno: 2000

Tracklist:

Tracklist: Mirage / Towers Of Limbs And Fevers / Released Damnation / Broth Of Oblivion / Swarm Of Vultures (live) / The One Who Smite (live) / Wretched Face Of Evil (live) / Fighting The Hell (live) / The Rape / Forlorn Blessings To The Dreamking / Dreams Like Deserts / Angel Ripper / Snake / Mirage / Tower Of Limbs And Fevers (original version)


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi