Absentia Lunae – Recensione: In Vmbrarvm Imperii Gloria

Grazie all’interesse dell’etichetta olandese Sol Invictus, è ora disponibile in CD l’opera seconda dei triestini Absentia Lunae, “In Vmbrarvm Imperii Gloria”, inizialmente distribuita nel panorama underground limitatamente a 400 copie in formato vinile.

L’album si prospetta come un appuntamento di sicuro interesse per tutti gli appassionati di black metal tradizionale, poiché la band, al di là della prospettiva avanguardistica sciorinata dalla biografia, è a tutti gli effetti inseribile tra i rappresentanti dalla facciata più intransigente e primitiva del metallo nero. “In Vmbrarvm Imperii Gloria” vive di ritmiche serrate e laceranti; ben pochi sono i compromessi con la melodia, relegata alla fiera introduzione e a dissonanti rallentamenti con innesti acustici che spezzano a tratti il crudo flavour epico dei brani.

Ben consci di ciò che ci aspetta all’ascolto di un lavoro volutamente underground, segnaliamo come la band compia ottimamente il proprio dovere sia in occasione degli episodi più maligni e veloci, come ‘Died Story Manifesto’, sia quando la rabbia va a mitigarsi con intermezzi ragionati, come nel caso della conclusiva ‘Memneso On’. Per il resto, l’avvertimento è il solito: un must per la nicchia di pubblico fedele a questi canoni sonori oppure un lavoro evitabile per chi è abituato a kolossal discografici dalle produzioni milionarie.

Etichetta: Sol Invictus / Masterpiece

Anno: 2007

Tracklist:

01.Occasus Professio (Fortis Cadere, Cedere Non Potest)
02.Mid Summer Spiritual Holocaust
03.Sal Aeternitate
04.Modern Cathedral
05.Died Story Manifesto
06.Manipulated Staues Of Flesh
07.Pale Lune
08.Memneso On


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi