In Flames: Live Report della data di Trezzo Sull’Adda (MI)

Avevo già il sentore che lo spettacolo che avrebbero dato gli In Flames al Live di Trezzo sarebbe stato uno dei migliori del mio 2009 di concerti: non sono assolutamente stato deluso, anzi, hanno superato e di parecchio le mie aspettative. Causa il mio proverbiale ritardo non sono riuscito ad essere in tempo sul posto per poter recensire decentemente il gruppo di supporto (i Sybreed), essendo entrato a metà dell’ultimo pezzo ed avendo letteralmente sgomitato per raggiungere la photo area. Gli In Flames si sono fatti un po’ attendere ma sono stati accolti letteralmente da un boato fin dalle prime note di “Cloud Connected”, pezzo col quale hanno aperto lo spettacolo. Hanno poi proseguito il loro show con pezzi del calibro di “Trigger” (usata anche come colonna sonora di Freddy Vs Jason), “The Hive”, “Drifter” “Clayman”, “Disconnected” (dedicato agli amanti di Guitar Hero), la spettacolare “Take This Life” e hanno concluso in bellezza con “My Sweet Shadow”.Tecnicamente sono stati perfetti, il loro melodic death è potente, pulito, quasi da studio, la setlist non ha deluso nessuno, dai fan storici di “Lunar Strain” fino a quelli acquisiti più di recente con gli album “Soundtrack To Your Escape” e “Come Clarity”. Proprio a questi ultimi doveva appartenere lo sfortunato fan chiamato da Anders sul palco, che, a parte una bella maglietta, di conoscenza del gruppo esibiva ben poco, non riuscendo nemmeno a canticchiare un ritornello con loro e beccandosi i meritatissimi fischi di tanti che avrebbero sacrificato volentieri un rene per essere al suo posto.

Copyright immagini RITUAL ART 2009

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi