Destinity – Recensione: In Excelsis Dementia

Per I Destinity sono in attività da diversi anni, passando da autoproduzioni a varie labels. Questo ‘In Excelsis Dementia’ è il loro quarto album. La partenza è al fulmicotone e mi ha spiazzato; presentatisi come estreme sympho black metal, l’album parte con un attacco al limiti del brutal!! Infatti l’opener ‘After The Grace…” è un pugno nello stomaco. Bene, anzi male, perché dopo questo pugno iniziale, i Destinity entrano in confusione… Nel senso che durante l’arco dei dieci brani si perdono non poco in parti sympho black annacquate. La band si rialza con qualche brano di maggiore spicco, tipo ‘Until Death Desire’, ma siamo già a metà album. Nella parte finale ritorna qualcosa di discreto, ma siamo sempre troppo in bilico fra vari generi, dal death più brutale al black più sinfonico. Qualche passaggio piacevole c’è, soprattutto per il buon lavoro di chitarre, ma mischiando troppo si finisce per vomitare!! Tanta buona volontà per i Destinity, ma troppa confusione in testa. Rimandati.

Voto recensore
6
Etichetta: Adipocere / Masterpiece

Anno: 2004

Tracklist: 01. After the grace of kaos synopsis
02. Gloria in exelcis ecclesia
03. Divine extase
04. Heffen kemet
05. Until death destre
06. Sadistic massacre
07. Black upon the throne
08. And silence
09. Pleasures of flesh
10. Forceps of hate

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi