Metallus.it

Kingcrow – Recensione: In Crescendo

Dopo il bellissimo “Phlegethon”, indubbiamente il loro apice compositivo, eravamo molto curiosi di conoscere le nuove mosse discografiche dei Kingcrow dopo un’intensa attività live a fianco di nomi di assoluto rispetto come Redemption, Jon Oliva e prossimamente Pain Of Salvation (tour in Nordamerica).

“Right Before” attacca con un progressive metal abbastanza canonico con toni particolarmente robusti e bei cori a fare da contrappunto ad una linea vocale facilmente memorizzabile; a seguire, “This Ain’t Another Love Song” ricorda i Porcupine Tree di “Deadwing” ma con un accento decisamente più solare mentre “The Drowning Line” si ispira inequivocabilmente a “Fear Of A Blank Planet” (canzone facente sempre parte del songbook di Steven Wilson & Co.) anche se i Kingcrow cercano di personalizzare riff e struttura praticamente uguali tramite linee vocali e lavoro di synth differenziato.

Nonostante qualche inevitabile dazio da pagare a livello di influenze comunque “In Crescendo” è davvero un lavoro ben concepito e strutturato per una band ormai dallo status consolidato e che può affrontare il mercato internazionale senza remore; non stupisce quindi che la Sensory abbia deciso di puntare su questi ragazzi italiani inserendoli nel proprio roster.

Molto bene…

 

Exit mobile version