Metallus.it

Headspace – Recensione: I Am Anonymous

Quando erano arrivate le prime news su questo nuovo ensemble inglese non neghiamo di aver pensato che fossimo di fronte all’ennesima operazione commerciale atta a riunire nomi più o meno noti del panorama metal rock per buttar fuori un CD in tempi discretamente brevi; ed invece quando ci si pone all’ascolto di “I Am Anonymous” ci si trova per magia (e finalmente) nelle orecchie un lavoro prog metal atipico, personale…semplicemente bello!!!

L’approccio degli Headspace ci ricorda in parte i Pain Of Salvation che furono ed i seminali Fates Warning più che altro per la mancanza di strutture prevedibili (“Stalled Armageddon”); chiaramente importanti sono le tastiere di Adam Wakeman (figlio minore del mitico Rick e nome di spicco della band insieme a Damian Wilson, ultimamente rientrato anche nei Threshold) che spesso doppia i riff di chitarra oppure sceglie di proseguire lungo linee apparentemente slegate. Ciò nonostante l’album è decisamente guitar oriented grazie al sostenuto riffing di Pete Rinaldi e per gli innumerevoli cambi di tempo e situazioni ribadiamo che per una volta il termine prog non ci sembra abusato (“Fall Of America”).

“Die With A Bullet” ha addirittura gli immancabili cenni djent a livello ritmico ma in generale la musica degli Headspace sa essere molto “carica” pur essendo stata partorita da un tastierista. Wilson di par suo fin dai primi anni ’90 si è distinto come una delle ugole più particolari ed interessanti del panorama metal rock europeo esibendosi anche a lungo da solista in contesti acustici e minimalisti; in questa nuova realtà torna invece a far vibrare con vigore le proprie corde vocali come dimostrano “In Hell’s Name”, la bella, lunga e variegata “Daddy Fucking Loves You” che ricorda l’approccio dei recentemente riformati Frost* mentre il giro di un basso autorevole come quello di Lee Pomeroy (It Bites, Take That) in “Invasion” non può non ricordare i Tool.

Sicuramente una delle sorprese di questo 2012 ancora avaro di uscite di un certo peso!

Exit mobile version