Hooded Menace – Recensione: Darkness Drips Forth

Niente di nuovo in casa Hooded Menace. Tre anni dopo “Effigies Of Evil”, sorta di concept sulle principali figure del cinema horror, il collettivo finlandese torna con “Darkness Drips Forth” e taglia il traguardo della quarta prova in studio.

Il nuovo album ribadisce e anzi, rispetto al suo predecessore rafforza, l’adesione a un monolitico e sporco doom metal imbastardito con il death, nelle corde di loschi figuri come gli Autopsy e gli Asphyx, dalla cui lezione i nordeuropei pescano a piene mani. I sostenitori delle ritmiche più fangose e pachidermiche potranno dunque accogliere con piacere una release assolutamente di genere ed efficace.

Ci pare superfluo sottolineare come agli Hooded Menace e tantomeno ai loro sostenitori, interessi una qualunque opzione evolutiva che li allontani da una palude ribollente infarcita di testi horror/gore studiati ad hoc. Per la cronaca, “Darkness Drips Forth” propone quattro lunghe tracce della durata media di poco superiore ai dieci minuti dove la band infila esecuzioni regolari e potentissime, dando lustro alle doti del chitarrista/vocalist Lasse Pyykkö, spesso autore di folgoranti assoli di scuola classica che contribuiscono a mantenere una certa varietà nei pezzi, per quanto questo termine e il genere proposto non vadano spesso di pari passo.

La voce del nostro è un growl profondo e catarroso che ben si adatta ai panorami orrorifici dipinti dal gruppo e un ulteriore valore aggiunto è infine dato dalla batteria di Pekka Koskelo, martellante e ricorsiva ma altrettanto solida e capace di alcune interessanti diversioni che provvedono a dare un leggero dinamismo ai brani.

Davvero nient’altro da aggiungere, se non che un album tanto prevedibile nella sua natura estrema ma solido e onesto, non sfigurerà affatto nella collezione di chi è patito di queste sonorità a loro modo elitarie.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Relapse Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. Blood For The Burning Oath / Dungeons Of The Disembodied
02. Elysium Of Dripping Death
03. Ashen With Solemn Decay
04. Beyond Deserted Flesh


Sito Web: https://www.facebook.com/HoodedMenace/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi