Arthemis – Recensione: Heroes

Gli Arthemis sono una band che ne ha viste tante: cambi di line up, tanto lavoro alle spalle, ecc. Questo “Heroes” ha tutte le premesse necessarie per eccellere, anche se qualcosa sembra mancare. Andiamo con ordine. La voce di Fabio pressoché impeccabile, non sbaglia mai un colpo, vince su tutto e convince fino alla fine. Quello che manca è una reale spinta nel senso strumentale del termine. I riff, le ritmiche, le melodie paiono essere un po’ troppo forzate, salvo rari casi di pura violenza sonora (vedi “Scars On Scars“, la strumentale “Crossfire” e la stupenda “Home“). L’eccessiva dose di tecnica, unita ad una eccessiva prevedibilità nei passaggi, forse, alla fine, appesantisce quello che potrebbe risultare un ottimo lavoro. Conrad, alla batteria, si destreggia bene in “This Is Revolution“, rimanendo costante alla sua solita “pacca” negli altri pezzi. Un artwork forse eccessivamente nei canoni non aiuta troppo. Attenzione però questo “Heroes” é prodotto molto bene, e come tale si fa apprezzare anche per questo. Un primo ascolto che parrà anonimo a molti, ma che, con l’andare del tempo riuscirà forse a convincervi quanto basta. Ottimo il brano finale “Road To Nowhere“: una marcia nostalgica e trionfante ci lascia al nostro destino, una destinazione sconosciuta. C’é tutto ma manca comunque qualcosa…

Voto recensore
6
Etichetta: Crash And Burn Records

Anno: 2010

Tracklist:

01. Scars On Scars
02. Vortex
03. 7Days
04. This Is Revolution
05. Home
06. Crossfire
07. Heroes
08. Until The End
09. Resurrection
10. Road To Nowhere


Sito Web: http://www.myspace.com/arthemisweb

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi