Hatebreed – Recensione: Hatebreed

Sull’onda del fortunato cover album “For The Lions” fanno ritorno i colossi del metalcore americano Hatebreed. Al sesto full length il quintetto del Connecticut dimostra ancora una volta di fare sul serio, confezionando un disco qualitativamente più che valido, ma, anche, eccessivamente prevedibile. Non mancano certo rabbia, attitudine e dedizione: in fondo questo è moshcore al 100%. Zero compromessi, nessun trend, con la testa e il cuore ai tempi in cui a dare lezione era gente come Slayer e Sepultura. Tutto questo non può far altro che valorizzare la band americana, ma il mix perfetto tra sfuriate hardcore e rallentamenti alla lunga può comincia a stancare. I 15 brani hanno infatti ancora le caratteristiche classiche del primo metalcore: riff taglienti, velocità thrash contrapposta a molti breakdown e voce costantemente roca. Altro elemento a favore è sicuramente la produzione, che appare indovinata nel bilanciamento tra la pesantezza delle chitarre e quella della batteria, in modo che una non ecceda sull’altra. Per questi elementi, e nonostante qualche cliché di troppo, “Hatebreed” è sicuramente un album di cui tenere conto nel vasto repertorio dell’ omonima band, anche perché rappresenta ancora una volta quell’ondata che non solo ha rivoluzionato l’universo hardcore e metal con il loro metalcore, ma che si è sempre distinta per la grande attitudine sopra e sotto il palco.

Voto recensore
7
Etichetta: Century Media / Emi

Anno: 2009

Tracklist:

01. Become The Fuse

02. Not My Master

03. Between Hell And Heartbeat

04. In Ashes They Shall Reap

05. Hands Of A Dying Man

06. Everyone Bleeds Now

07. No Halos For The Heartless

08. Through The Thorns

09. Every Lasting Scar

10. As Damaged As Me

11. Words Became Untruth

12. Undiminished

13. Merciless Tide

14. Pollution Of The Soul

15. Escape (Diehard Edit)


Sito Web: http://www.myspace.com/hatebreed

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi