All Shall Perish – Recensione: Hate. Malice. Revenge

Una nuova arma di distruzione di massa entra a far parte della gigantesca rastrelliera dell’onnipresente Nuclear Blast. Arrivano infatti ad allietare i nostri già provati timpani i terremotanti ‘All Shall Perish’! Quintetto d’origine californiana, che registrò il suo primo full lenght nel 2003 per la giapponese Amputated Vein Rec. e che proprio in questi ultimi mesi ha deciso di firmare per la gigantesca label tedesca e di riproporre (per la nostra felicità!)il suo devastante debutto per il mercato europeo.

Definire il suono della band semplicemente Metal/Hardcore è limitativo. Osservando le svariate influenze presenti nel sound del cd (dal brutal death dei monolitici Cannibal Corpse al death/thrash svedese alla Hipocrisy) é nettamente più corretto parlare di: ‘Brutal-swedish-doom-hardcore-metal’.

Quaranta minuti di eclettico massacro sonoro. Un album vario, ben strutturato, con le tipiche Blast-beats, ma anche ricco di momenti più cadenzati e soffusamente melodici (non aspettatevi assolutamente melodie ruffiane!); tecnicamente i ragazzi sono ineccepili, dimostrano di aver imparato molto diligentemente la lezione dei cosiddetti ‘Grandi ‘ del genere estremo. Forse una pecca potrebbe risiedere in questo però; infatti per quanto sia un buon prodotto questo ‘Hate. Malice.Revenge’, manca leggermente d’ispirazione, restando legato a sonorità ormai molto inflazionate. Non bisogna essere neanche troppo fiscali però, in fondo si tratta di un debut-album e sicuramente gli All Shall Perish hanno ancora tante carte da giocare per sorprenderci.

La Nuclear Blast che è ormai una garanzia di qualità da molti anni a questa parte, per quanto riguarda il metal in generale, ha fatto nuovamente centro. Adesso bisogna solamente attendere che venga organizzato un bel tour europeo (dovrebbe proprio iniziare nel 2005), così da poter testare anche le capacità live di questo promettente combo a stelle e strisce.

War never ends!

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2005

Tracklist:

01. Deconstruction

02. Laid To Rest

03. Our Own Grave

04. The Spreading Disease

05. Sever The Memory

06. For Far Too Long…

07. Never Ending War

08. Herding The Brainwashed


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi