Divided Multitude – Recensione: Guardian Angel

Il quintetto norvegese si è formato nel 1995, ma, in quindici anni, "Guardian Angel" è solo la terza pubblicazione. In realtà, si tratta di ragazzi molto giovani, capaci tuttavia di realizzare un’ottima produzione. A vedere poi il cantante, non ci si aspetterebbe mai che un biondino esile possa avere la stessa voce di Peter Wagner dei Rage. Anche il songwriting dei Divided Multitude, benché dagli stessi millantato come progressive, ha più affinità con il power di origine teutonica. La portata delle undici tracce è squadrata, limitata nella varietà, ben arrangiata nel riffing. L’eccessivo zelo profuso nella ricerca di temi melodici contribuisce a dare un tono di artificialità al platter, evidenziandone sin dal primo ascolto tutti i pregi ed i difetti. E sicuramente, già nel medio periodo, l’ascolto potrebbe divenire noioso e privo di sorprese.

Voto recensore
6
Etichetta: Silverwolf Productions / Gordeon Music

Anno: 2010

Tracklist: 01. Resurrection
02. Nowhere To Hide
03. Senses
04. Something For Someone
05. Regrets
06. Interludium
07. My Dying Hour
08. Promised Land
09. Pieces On The Flor
10. Deeds Of Deception
11. Guardian Angel

Sito Web: http://wwww.myspace.com/dividedmultitude

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi