Dominus – Recensione: Godfallos

Ebbasta! Ma non se ne può più! Cantato alla Hetfield in growl, atmosfere alla Sentenced di ‘Crimson’ ma con un pizzico di cattiveria produttiva in più, tutto si allinea ad una costante piattezza imbarazzante! E questo lo chiamano death metal! Maddai, non scherziamo mica! Ora, con tutto il rispetto dovuto a chi sta facendo il proprio lavoro, con tutta la bontà di cui un essere umano può essere dotato, con questo ‘Godfallos’ ci troviamo davanti ad una pochezza a dir poco imbarazzante. Un disco secco, come tronco cavo, che ripesca in egual misura dal ‘Black Album’ e da tutto quanto c’è stato di più sfruttato nella scena nordica death melodica, incollato tipo patchwork e bagnato di riff addirittura simili tra di loro da traccia a traccia. Un disco pestilenziale, adatto ai bussolotti per le pesche di beneficienza. Prima di stampare dischi inutili, accertarsi di un minimo di qualità, grazie. In caso di errore, pregasi chiamare il numero verde preferito.

Voto recensore
3
Etichetta: DieHard

Anno: 2000

Tracklist: Tracklist: Thine / The Act Of Organic Plastic / Seed From The Beast / Manipulated Destiny / Call # 3 / Hypercane / The Face That Wouldn’t Show / Antichrist / Cabbage / To Seek Her Scent / Angelsitter

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi