Genere: Sludge Metal

Rwake – Recensione: Rest

Dopo aver favorevolmente impressionato pubblico e critica con lo splendido “Voices of Omens”, nel 2007, degli americani Rwake si erano un po’ perse le tracce, tra vari progetti paralleli (Deadbird) e collaborazioni di lusso (Nachtmystium). Fortunatamente il nuovo “Rest” segna il ritorno di una delle realtà più interessanti...

Sourvein – Recensione: Black Fangs

Terzo album in ben 18 anni di carriera (il precedente, “Will To Mangle”, uscì nel 2002), “Black Fangs” rappresenta, ciò nonostante, il parto più valido e interessante dei Sourvein, combo del North Carolina che rovista nel fangoso sound sludge, al pari di gente come Eyehategod, Buzzov•en, Hail!Hornet, nomi...

Tombs – Recensione: Path of Totality

Gli americani Tombs, fautori di un particolare quanto interessante mix di sludge e black metal, avevano colpito la mia attenzione col precedente “Winter Hours” (sempre Relapse, 2009). Leggendo della presenza di John Congleton (Baroness, Explosions in the Sky) come produttore, mi aspettavo che questo “Path of Totality” comportasse...

16 – Recensione: Bridges To Burn

Sludge metal efficace e senza sbavature, quanto è giusto aspettarsi da veterani della scena come i 16. Il loro suono è una miscela devastante di riffing pachidermico dalla tonalità infossata, sporadiche accelerazioni thrash-core, seventies rock e urla rabbiose (anche queste con qualche contatto con la scena post-core). Inutile...

Abominable Iron Sloth – Recensione: S/T

Pestano mica male questi The Abominable Iron Sloth. Nel loro calderone ribolle letteralmente tutta l’inarrestabile determinazione di un pachidermico sludge doom, ma sono le vocals isteriche e indemoniate a rendere ulteriormente appetitoso questo strano piatto. Come dire Eyehategod meets Today Is The Day, tanto per capirci. Attitudine hardcore...

3D House Of Beef – Recensione: Low Cicle

E’ un peccato che un’etichetta come la Lunasound, che dimostra fiuto e gusto nel gestire a livello europeo un’etichetta come la Neurot, ben meno perizia metta in gioco quando si tratta di mettere sotto contratto direttamente gruppi. Dopo la prova disordinata e senza una direzione degli Association Area...