Genere: Melodic Rock

Hunter – Recensione: Hungry Heart

A La Serena, in Cile, ci sono spiagge assolate, osservatori astronomici, delfini e vigneti che forniscono uve per la produzione del pisco, un’acquavite sudamericana che da quelle parti è bevanda nazionale. A La Serena ci sono anche gli Hunter, formazione AOR che pubblica il primo album nel 2018,...

Escape – Recensione: Fire In The Sky

In un momento nel quale le pance dilatate del mercato accolgono tra le loro pareti sempre nuove proposte, anche il ritorno sulla scena di vecchi act appare operazione facile, o almeno facilitata: più canali di ascolto, costi inferiori ed occasioni di visibilità a costo zero rappresentano spesso elementi...

Farcry – Recensione: Balance

I FarCry sono una band di rock melodico statunitense, autrice di due album usciti nel 2009 (“High Gear”) e 2011 (“Optimism”). Fermatisi ai box nel 2013 e successivamente costretti a riaggiustare la formazione per rimediare alle defezioni intervenute negli anni successivi, gli americani sono tornati in studio nel...

Fm – Recensione: Tough It Out Live

Quanti live album stanno uscendo negli ultimi mesi? Sinceramente stiamo quasi perdendo il conto, ed anche chiedersi se siano necessari o no, è veramente una domanda relativa, quasi gratuita. Di certo, una buona e ruspante riproduzione audio (ed a volte in video) di un concerto è un buon...

Winding Road – Recensione: Winding Road

Formati in Svezia nel 2018 dall’incontro di Magnus Åkerlund (Blender) e Jan Hedlund (Coastline, Eagle Down), due artisti di diversa estrazione musicale ma entrambi accomunati da una buona esperienza, i Winding Road si completano con l’innesto di Jonas Tyskhagen (Incardine, Soxity, Yo Motherfucker, Bitches Brew) alla voce ed...

Chez Kane – Recensione: Chez Kane

Già attiva con la sua band Kane’d, la giovane cantante inglese Chez Kane si è avvalsa della collaborazione con Danny Rexon, voce dei Crazy Lixx e desideroso di vestire per una volta le vesti del produttore di un nuovo artista, per intraprendere una seconda avventura, questa volta nei...

Issa – Recensione: Queen Of Broken Hearts

“Incubato” da Frontiers Records, il progetto “Issa” nasce ormai vent’anni fa per costruire attorno alla figura della talentuosa artista norvegese Isabell Oversveen un mondo rock di melodie vocali, alla cui costruzione contribuisce oggi una squadra tutta italiana: sono infatti Simone Mularoni (DGM) alle chitarre, Andrea ToWer Torricini (Vision...

Autumn’s Child – Recensione: Angel’s Gate

Secondo album per gli Autumn’s Child, creatura del cantante Mikael Erlandsson che ha preso il posto dei Last Autumn’s Dream continuandone di fatto il percorso artistico. E proprio l’autunno ben rappresenta il mood che attraversa anche la proposta musicale degli Autumn’s Child, che propongono un rock melodico crepuscolare...

W.e.t. – Recensione: Retransmission

Quando unisci i talenti di Robert Såll (la “W” dai Work Of Art), Erik Mårtensson (la “E” dagli Eclipse) e Jeff Scott Soto (la “T” dai Talisman) sai già in un certo senso cosa aspettarti: quando ripeti l’operazione per la quarta volta, e hai oliato all’inverosimile un meccanismo...

Creye – Recensione: II

Autori di un debutto che nel 2018 era stato accolto con recensioni generalmente favorevoli, gli svedesi Creye hanno nel frattempo trovato casa presso Frontiers ed è attraverso l’etichetta nostrana che oggi pubblicano il secondo disco, al quale spetta tradizionalmente il difficile compito di consolidare la crescita. La formazione...