Pissing Razors – Recensione: Fields Of Disbelief

Dalla loro nascita i Pissing Razors hanno puntato tutto sulla propria essenza sudista e sanguigna, bilanciando con interventi "de core" la mancanza di originalità. La pratica non è nuova, e i risultati alterni: alcuni gruppi come i 40 Grit non vanno oltre copie con carta carbone (effimere, sbiadite), altri -come i qui presenti Pissing Razors- riescono a fra trapelare la propria passione non mediata, assumendo un ruolo secondario ma quantomeno trasparente. E allora avanti con le maniere forti di Skinlab, Pantera e Machine Head, con il piglio del metal moderno e la prestanza fisica di certo hardcore, orgogliosi di non essere forse nulla di speciale, ma di suonare comunque al massimo. Inserti melodici (‘The Other Side’) ben realizzati e spesi con parsimonia creano qualche diversivo tutto sommato interessante, facendo risultare ‘Fields Of Disbelief’ un buon disco per i più accaniti appassionati del genere, e una soddisfacente prova di routine per gli altri.

Voto recensore
6
Etichetta: Noise Records / Self (2000)

Anno: 2000

Tracklist: Tracklist: Between Heaven And Hell / Fork Tongue / Ruin / You'll Never Know / Selfish / Fields Of Disbelief / Three / Out Of Control / The Other Side / Regret / Sever The Ties / Choices

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi