Edge Of Forever – Recensione: Feeding The Fire

Bellissima sorpresa questo ‘Feeding The Fire’, un album di hard rock melodico di gran spessore, composto da una band italiana con l’ausilio del singer degli Axe, Bob Harris. L’album si fa apprezzare moltissimo per una serie di hit che spaziano dall’hard rock al rock da classifica, dal bluesy al metal neoclassico; il songwriitng di tutto rispetto esalta praticamente tutti i componenti della band, anche se i migliori del lotto risultano il singer Harris e il tastierista Alessandro Del Vecchio (già noto per aver suonato con musicisti del calibro di Glenn Hughes, Patrick Rondat e Tony Franklin), autore di cesellature sopraffine (quali l’assolo della title-track) che non appesantiscono i brani ma li rendono molto più ricchi. Il CD sforna un pezzo interessante dopo l’altro, a partire dall’energica title-track (di cui è presente anche il video clip… niente di pretenzioso ma se non alto girato con mestiere), per poi proseguire con un brano cadenzato da urlo intitolato ‘Birth Of The Sun’ ed ancora con la possente e strascicata ‘Mother Of Dakness’, oppure con ‘Gates Of Hell’, brano decisamente d’ispirazione Malmsteen. Ma anche quasi tutte le altre track dell’album sono estremamente accattivanti e riportano una serie di soluzioni affascinanti che colpiscono al primo ascolto. ‘Feeding The Fire’ è un CD da far proprio.

Voto recensore
8
Etichetta: MTM / Frontiers

Anno: 2004

Tracklist: 01. Feeding The Fire
02. Birth Of The Sun
03. Prisoner
04. Whatever Comes
05. Mother Of Darkness
06. Bloodsucker
07. The Road We Walked On
08. Dance Into The Fire
09. The Gates Of Hell
10. I Won't Be A Fool No More
11. Feeding The Fire (video)

leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi