Thulcandra – Recensione: Fallen Angel’s Dominion

Se le vostre preferenze nel campo del metal estremo vanno in massima parte alla tecnica esecutiva, allora amerete i Thulcandra. Il combo tedesco, attivo dal 2003 ma giunto solo oggi alla prima prova sulla lunga distanza, è devoto in tutto e per tutto ai preziosismi della scuola nordeuropea ed è figlio di Dark Funeral, Keep Of Kalessin e Dissection , non a caso omaggiati dalla cover di “The Somberlain”.

“Fallen Angel’s Dominion” presenta un bagaglio esecutivo di prim’ordine, i brani sono strutturati in massima parte sulla velocità e poggiano sui tappeti di riff secchi e cangianti di Sebastian Ludwig e sulle vocals aggressive di Steffen Kummerer. Un drumming preciso e tellurico (ad opera del session Seraph) e l’ottima produzione del sempre più attivo V.Santura fanno il resto, garantendo a “Fallen Angel’s Dominion” la competitività necessaria al mercato odierno. Tanti buoni propositi come possiamo vedere, peccato però che a tratti la sostanza del lavoro si perda nella mera formalità, dando l’impressione di avere ascoltato una serie di brani buoni se presi singolarmente ma prodotti in serie. Una sufficienza stiracchiata raggiunta grazie alla bontà del mestiere. Un album comunque canonico e destinato solamente a chi segue il genere.

Voto recensore
6
Etichetta: Napalm Records / Audioglobe

Anno: 2010

Tracklist: 01. In The Realm Of Thousand Deaths
02. Night Eternal
03. Fallen Angel's Dominion
04. Frozen Kingdom
05. Everlasting Fire
06. Spirit Of The Night
07. Legions Of Darkness
08.In Silence We Eternally Sleep
09.The Somberlain
Sito Web: http://www.myspace.com/thulcandrametal

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi