Saltatio Mortis – Recensione: Erwachen

I Saltatio Mortis fanno parte di quella schiera di gruppi tedeschi dediti a mischiare il folk medioevale con qualsiasi altra cosa. Non sono un gruppo malvagio, ma pagano il dazio di doversi confrontare con acts di gran lunga più validi. I Saltatio Mortis non hanno l’impatto, né la fedeltà filologica degli In Extremo, i Saltatio Mortis non hanno né la scanzonata libertà né la stagionatura dei Subway To Sally, i Saltatio Mortis non hanno la cura e l’eleganza dei Corvus Corax, i Saltatio Mortis non hanno la classe e la delicatezza degli Schandmaul.

I Saltatio Mortis sono un discreto gruppo di ‘zampognari eversivi’ ma nulla di più. I loro giochi con l’elettronica, con il rock e con il metal si lasciano ascoltare piacevolmente, ma tardano a lasciare un segno definito, si potrebbe dire che manchi loro del carisma o più semplicemente manca loro quel quid che trasforma una band media in una band importante. In defintiva, questo ‘Herwachen’ è un disco che diverte ma non avvince, forse perché la cornice sperimentale si addice poco a questa band che, invece, risulta molto più convincente quando mostra il suo lato acustico, come in album come ‘Tavernakel’ o ‘Haptessenz’.

Voto recensore
6
Etichetta: Napalm / Audioglobe

Anno: 2004

Tracklist: 01. Hör die Trommeln
02. Falsche Freunde
03. Lass mich los
04. Traumreise
05. Erwachen
06. Am Scheideweg
07. Daedalus
08. Tanz der Tänze
09. God Gave Rock`n`Roll To You
10. Mein Weg
11. Hafen der Stille

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi