Metallus.it

AAVV – Recensione: Embrace The Sun – The Lion Music Japan Benefit Project

I metallari sono tutti brutti, sporchi e cattivi, venerano Satana e non gli importa niente delle miserie altrui. Sì, certo, come no. Andatelo a dire agli artisti sotto contratto con la Lion Music, che hanno contribuito in massa, e gratuitamente, alla realizzazione di questo doppio CD, per un totale di 28 brani, i cui proventi vanno a favore della Croce Rossa giapponese per la ricostruzione post tsunami. Oltre quindi al valore simbolico, che è per forza il più importante, c’è anche un consistente valore artistico, perché quasi tutti i brani contenuti in “Embrace The Sun” sono stati scritti per l’occasione, e quasi in sordina, ospitano una serie di personaggi esterni all’etichetta, come Kip Winger (che suona il basso nel pezzo di Milan Polak) o Ron Thal, per non parlare di Jennifer Batten (che con Lion Music ha pubblicato il suo terzo album), la cui “Sakura Season”, nella sua semplicità, si colloca di diritto fra le perle di questo album. L’Italia è degnamente rappresentata da Marco Sfogli, dagli Astra, Ashent (con Titta Tani alla voce) e dai Mastercastle, mentre il brano conclusivo è un omaggio al Giappone da parte dei maggiori chitarristi dell’etichetta: impossibile individuare chi suona quale parte, meglio pensare a quanto sia significativo un pezzo del genere. L’assenza di voto non deriva quindi  dalla mancanza di valore dei brani, quanto dalla constatazione della difficoltà a giudicare un’opera che si dichiara di beneficenza.

Exit mobile version