Metallus.it

Eleventh Hour – Recensione: Memory Of A Lifetime Journey

Alessandro Del Vecchio è uno di quei personaggi straordinari, che respira musica tutto il giorno. Come tastierista, cantante, session man o in veste di produttore, il nostro negli ultimi anni ha dato il proprio contributo all’ottima riuscita di parecchi album di rock, hard ‘n heavy e power metal, diventando una certezza dietro alla consolle, ed un punto di riferimento in studio e dal vivo. Gli Eleventh Hour sono la sua ultima creatura, band tricolore dedita ad un power prog dalle tinte sinfoniche, influenzato dai soliti noti, tra Symphony X, Artension e Vanden Plas.

Memory Of A Lifetime Journey” è un disco d’esordio dietro al quale c’è soprattutto la mente dell’eclettico chitarrista Aldo Turini, che mette in queste dieci song tutta la propria passione per un genere in cui gli italiani, da sempre, hanno fatto la voce grossa. E gli Eleventh Hour non sono da meno, pur non inventando nulla di nuovo, ci regalano piacevoli refrain, spesso devote al power, ed orchestrazioni sopraffine e da colonna sonora. Tra cambi di tempo, synth space alternati ad arrangiamenti sinfonici, melodie ariose, “Memory Of A Lifetime Journey” scorre via in modo omogeneo, ma brillante. Forse sono troppe tre ballad, perché rischiano di far sedere un po’ l’energia del disco, ma gli Eleventh Hour ne escono comunque a testa alta, piazzando un paio di song più immediate (tra cui “Jerusalem”), in cui clavicembali e chitarra, ci riportano alla mente i Symphony X di “Twilight In Olympus”. Ho preferito di gran lunga la seconda parte del cd, quella meno progressive, anche se la band dimostra di poter destreggiarsi con disinvoltura in passaggi più intricati, vicini ai Dream Theater di “Awake”.

Gli Eleventh Hour fanno il proprio esordio sul mercato con un lavoro derivativo, ma molto professionale e coinvolgente, grazie all’esperienza dei musicisti coinvolti. A tutti gli amanti dei Symphony X, ma anche del power metal più maturo, “Memory Of A Lifetime Journey” è l’album che fa per voi.

 

 

Exit mobile version