Armagedda – Recensione: Echoes In Eternity

‘Echoes In Eternity’ rappresenta l’epitaffio dei blacksters svedesi Armagedda, duo attivo dal 2000 e dedito ai risvolti più tradizionali della musica estrema per antonomasia. A quanto pare la band vuole oggi prendere le distanze da una scena che considera ormai inflazionata, piena di luoghi comuni e atteggiamenti da rockstar. Un punto di vista rispettabile per chi considera il black metal come uno stile che a tutti i costi debba essere “contro”, terrorizzante oltre che scevro da fantasia esecutiva e produzioni di alto livello, ma decisamente anacronistico per tutti coloro estranei a questa nicchia.

‘Echoes Of Eternity’ raccoglie una serie di brani registrati dalla band negli ultimi sette anni e sparsi tra i vari EP e demo pubblicati, con l’aggiunta di due cover (‘Satan My Master’ dei Bathory e ‘Ea, Lord Of The Depths’ dei Burzum) più alcuni pezzi dal vivo. Aspettatevi un black primitivo e senza nessuna concessione alla melodia né a ritrovati stilistici a base di musica sinfonica, dal missaggio volutamente pessimo e una perenne sensazione di soffocamento. Tutto il resto? Voce lacerata, strumenti torturati e spesso indistinguibili tra loro descrivono un background lirico fatto di occultismo e negatività.

Un prodotto che verrà accolto come un capolavoro di oscurità da un lato e inevitabilmente, come fuffa per nostalgici dell’altro. Noi evitiamo un giudizio numerico e segnaliamo questa release, appunto for fans only, a chi saprà valutarla di proprio interesse.

Etichetta: Agonia / Masterpiece

Anno: 2007

Tracklist:

01.At The Edge Of Negative Existence (From The Split With Woods Of Infinity)
02.Emperor From The Eternal Dark (From Black Metal Endsieg III)
03.A New Era (Previously Unreleased)
04.A World Full Of Lies (From Strength Through Torture EP)
05.Dodens Vind (From Strength Through Torture EP)
06.Schizofrenic Paranoia (Previously Unreleased)
07.Wrapped To Darkness (From In Blackest Ruin MLP)
08.Whore Of God (From In Blackest Ruin MLP)
09.Satan My Master (From In Blackest Ruin MLP – Bathory Cover)
10.Volkemord Part I (From First Demo)
11.Volkemord Part II (From First Demo)
12.Nordinstinkt (From First Demo)
13.A World Full Of Lies (Live In Baroeg, Rotterdam)
14.I Am (Live In Belgium, Previously Unreleased)
15.A The Edge Of Negative Existence (Live In Belgium)
16.Satan My Master (Live In Belgium)
17.Ea, Lord Of The Depths (Burzum Cover – Hidden Track)


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi