Medulla Nocte – Recensione: Dying From The Inside

Estremisti inglesi, presumibilmente cresciuti in uno scenario poco accogliente. Possibile scommettere che all’orizzonte si stagliassero file interminabili di ciminiere con relativa nube nera, e che il sole fosse solo uno sbiadito ricordo. I Medulla Nocte probabilmente non ridono molto, o quantomeno non lo fanno mentre sono in studio di registrazione. La musica del gruppo si presenta compressa fra l’assalto degli ultimi Napalm Death "arrotondati" in strutture più ricche di groove e una parziale spinta melodica, strisciante e perversa, sputata da un volto ghignante. Monolitico è l’assalto messo in piedi dagli inglesi, talmente monolitico da risultare fortemente ostico e possibilmente ripetitivo a timpani non allenati, ma l’intensità bruciante di composizioni come ‘Deafened By The Sound Of Silence’ o ‘Has The Penny Dropped?’ è difficile da ignorare. Menzione d’onore per ‘The Nervous Reaction’, convulsa e isterica, vero attacco di nervi ottimamente messo in musica e venato di tensione dalla spettacolare produzione di Dave Chang, sempre di più alla guida "tecnica" del nuovo metal britannico (e non solo).

Voto recensore
7
Etichetta: Copro / Audioglobe

Anno: 2000

Tracklist: Deafened By The Sound Of Silence / Twice The Trauma / The Nervous Reaction / Scared Of Strangers / Has The Penny Dropped / Nothing For Second / Outcast / Broken State Of Mind / Inside I'm Dying

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi