Metallus.it

Drudkh – Recensione: One Who Talks With The Fog/Pyre Era, Black! – Split Cd

Season Of Mist licenzia questo split Cd che vede la collaborazione tra due interessanti realtà del panorama black metal europeo. I primi sono gli ucraini Drudkh, una band piuttosto nota agli headbangers in madrepatria che propone un sound debitore alla tradizione ma con un sentito taglio epico, dove le liriche sono ispirate a leggende o episodi storici della terra d’origine.

I due brani “Golden Horse” e “Fiery Serpent” (che insieme compongono la prima parte dello split, dal titolo “One Who Talks With The Fog” sono due pezzi di black metal che alternano parti veloci ad altre cadenzate. Inizialmente i brani si mantengono su coordinate molto classiche, poi si lasciano coinvolgere da una melodia acustica intensa e di presa (davvero buono il lavoro del chitarrista/bassista nonché master mind Roman Saenko). Convince in particolare la seconda canzone, dove trovano spazio anche dei profondi tappeti di tastiera, a rafforzarne la natura epica.

Più evoluti tecnicamente, i norvegesi Hades Almighty (band che trova le sue origini nei viking/blacksters Hades, classe 1992), presentano invece tre brani con “Pyre Era, Black!”, una release già nota ai fan in quanto uscita come Ep nell’Ottobre del 2015. Il black metal degli Hades Almighty vanta un corpus dai forti tratti melodici e alcune soluzioni progressive. E’di certo più utilizzato il cantato pulito, insieme alle variazioni ritmiche e ai numerosi, ma non invasivi inserti di tastiera ad opera dell’axe man Jørn Inge Tunsberg (per la cronaca, il musicista fece parte delle line-up dei mitici Old Funeral e degli Immortal per un breve periodo). La titletrack punta sulla velocità e sul riscontro emozionale garantito dal chorus, mentre la successiva “Funeral Storm” rallenta i ritmi, che si fanno davvero granitici e abbraccia un finale atmosferico. Chiude “Bound”, dove la band gioca ancora la carta del cadenzato ricco di melodia ma dalle sonorità ruvide e cangianti, a ricordare qualcosa dei primi Enslaved.

Senza dubbio un prodotto di qualità, destinato ovviamente a una ristretta cerchia di collezionisti.

Exit mobile version