Dream Theater: Portnoy denuncia i sui ex compagni

Altra benzina sul fuoco, sulla vicenda Dream Theater. Infatti è stato reso noto da poco, che Mike Portnoy (ex batterista), ha esposto denuncia verso i suoi vecchi compagni di band. La lettera di denuncia è scaricabile a questo link.

Ecco cosa viene esposto al suo interno:

“27 Aprile 2011, tribunale di New York, Mike Portnoy, tramite avvocato, convoca i querelati John Petrucci, John Myung, Jordan Rudess, James LaBrie, le compagnie Ytse Jam, Inc. e Infinity Tours, Inc., a presentarsi entro 30 giorni, per discutere davanti ad un giudice riguardo questo caso.
Il querelante è uno dei membri fondatori di una rock band e uno dei fondatori e azionista delle compagnie citate. I querelati Petrucci e Myung sono gli altri membri fondatori della band, e gli altri sono azionisti delle società. Tutti gli altri querelati si professano appartenenti alla band.

I querelati, rompendo i termini del contratto:
1 – Hanno estromesso il querelante dalla band
2 – Stanno illegalmente utilizzando il nome della band sul nuovo album dei querelati, senza la partecipazione o il permesso di Mike Portnoy
3 – Stanno illegalmente utilizzando il nome della band per promuovere concerti live dei querelati, senza la partecipazione o il permesso di Mike Portnoy.

Quel che viene richiesto ai querelati è:
1 – Una sentenza che impedisca ai querelati di usare il nome dei Dream Theater (su disco o per promuovere concerti), senza il consenso di Mike Portnoy
2 – Un’ingiunzione che impedisca in futuro ai querelati di usare il nome della band
3 – un risarcimento in denaro”

15 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Vanishing

    Portnoy detiene parte dei diritti dell'”azienda” tutt’ora e se gli altri non l’hanno veramente mai interpellato chiedendo autorizzazioni per l’utilizzo del nome Portnoy vince la causa. I rimanenti membri dei DT farebbero meglio a cambiare nome, anche perchè non sono più loro un anno.
    L’ultimo loro disco è la cosa più orribile che abbia mai sentito. Che Portnoy sia un po’ uno stronzo è cosa risaputa ma quando ci stanno di mezzo soldi (tanti!) la gente cambia bandiera, religione, faccia, politica e via discorrendo. Non mi meraviglia che l’abbia fatto.

    Reply
    • MAVAFFA

      Forse l’ultimo disco non piace a te. E da Scenes from a memory che non sentivo un loro disco che posso ascoltare per intero senza il desiderio di saltare un brano. Forse ti piaceva tanto Portnoy e ti manca anche un po’ ma ti posso assicurare che il lavoro di Mangini è ineccepibile ed è anche meglio come batterista. “L’ultimo disco è la cosa più orribile che abbia mai sentito” sembra veramente una cosa messa li da un Troll di professione, se per caso non lo sei, ti pregherei di indicarmi quali dischi ritieni validi e degni di ascolto, così, per capire che spessore ha la tua affermazione e per scoprire grazie a te della musica che valga la pena di essere ascoltata. Mike Portnoy, poi, se tu lo conoscessi non diresti che è uno stronzo. Inoltre secondo me non solo i DT sono ancora loro, anzi, secondo me hanno ricuperato lo spirito del 1999 e sento nel nuovo disco un desiderio di cambiare direzione e quello che sento mi piace. E’ chiaro che MP lasciando la band ha innescato tutto il processo. Poi, se non ti piace il loro ultimo disco puoi sempre ascoltare il CD degli Adrenaline Mob.

      Reply (in reply to Vanishing)
      • Alex

        . solo una curiosità. in realtà nulla da dire sulle vostre affermazioni i DT non mi sono mai piaciuti e non mi piacciono ora. cmq hanno fatto i loro bei dischi. al di fuori di questo mi domando:” Mike Portnoy, poi, se tu lo conoscessi non diresti che è uno stronzo” Ma perchè tu lo conosci di persona? siete amici intimi?

        Reply (in reply to MAVAFFA)
  2. Alex

    non so se è una bufala, altrimenti il Sig. Portnoy si sta rendendo sempre più di ridicolo… Sembra una telenovela

    Reply
  3. AlexF

    Prima o poi uscira’ anche la notizia che aspetta un figlio da Petrucci?
    Non se ne puo piu’.
    Ridatemi i Dream Theater di Kevin Moore.

    Reply
  4. Carlo

    Secondo me si è comportato da idiota, perchè con un “gruppo” dove hai condiviso emozioni, fame, sonno ecc ecc.. a fare quest’azione non mi sembra da amico o da ex membro di un gruppo!!! Se vuoi far parlare ancora di te non farlo facendo queste puttanate, ma mettiti dietro la batteria e continua a fare quello che hai sempre fatto….
    Non è che gli rode per il suo successore Mangini??!?!?
    Con il loro nuovo album, ho risentito la vecchia sonorità che si era persa ultimamente nel Dream Theater…. quindi credo si stia facendo buona strada con Mangini…..
    Santoro Carlo.

    Reply
  5. AlexF

    Non so che dire, non ho ascoltato con attenzione l’ultimo album al punto di poter commentare in maniera appropriata.
    Ma da un po’ di anni a questa parte tra scimmiottamenti di riff dei Metallica ed autocitazioni al limite della nausea le composizioni dei DT si sono fatte davvero sterili, forse l’idea di prendere una pausa per dare un po di ossigeno alla vena creativa non era del tutto sbagliata.
    Mi pare evidente che dopo la dipartita di Moore la band abbia inevitabilmente perso l’alchimia che la contraddistingueva, qualche colpo di coda qua e la come con Metropolis part 2, ma in generale il songwriting si e’ fatto davvero pomposo e prolisso, con Petrucci e Ruddess fanno a gara a chi strafa’ di piu’ in fase di assolo.
    Siamo ben lontani da Images and words dove la tecnica era al servizio della composizione e non viceversa.

    Mangini sicuramente un ottimo batterista, ma non e’ Portnoy, non e’ certo un caso di divario in termini di bagaglio tecnico o esperienza, quanto di dfferenza di stile a mio parere
    Portnoy ha fondato i Dt ed il suo modo di suonare faceva indiscutibilmene parte del trademark della band, tra l’altro scimmiottato da un po tutti i gruppi clone che sono nati nella scia del loro successo.
    Mangini per eta e background si colloca in un altro periodo ed il suo approccio e’ sicuramente diverso, si e’ visto nelle prime sessioni live dove non esibiva certo una sicurezza enorme a dispetto dei molti anni di esperienza alle spalle, certo e’ un po presto per giudicare migliorera’ con il tempo immagino.
    Personalmente avrei preferito vedere piu’ un Macaluso al suo posto, ma De Gustibus.

    Una nota di (de)merito va poi a quello stucchevole ibrido di casting e reality che e’ stato messo su per la ricerca di ideali candidati alla batteria.
    Imbarazzante a tratti e mal recitato , era ben chiaro chi sarebbe stato scelto fin da principio e l’emozione di Mangini al momento del verdetto era autentica quanto un’udienza di Forum.
    Mai piu’ per favore.

    I miei due cents

    Reply
  6. Luca

    Ragazzi non si parla d’altro che di denaro… “ho contribuito a fondare un’azienda della quale sono il socio fondatore, pertanto se me ne vado mi devi liquidare!!!!” Non fa una piega direi, i Dream Theater sono un’azienda, che guadagna anche parecchi quattrini, pertanto è giusto che questi vengano anche spartiti equamente, punto.

    Le questioni di cuore qui non c’entrano proprio…

    Reply
  7. Luca

    …e se devo parlare di musica, sono d’accordo con AlexF in pieno, i DT erano il top con Kevin, poi l’ottimo colpo di coda di Metropolis pt.2, qualche buona canzone qua e la su Six degrees e per quanto mi riguarda, il buio…Almeno su quest’ultimo sembra che abbiano finito di fare la metallata a tutti i costi (grazie a Dio, ci sono dozzine di gruppi che la sanno fare molto meglio…) ma comunque le idee devo dire che non abbondano…Anche MP comunque mi sembra che non se la passi meglio…”gli Adrenaline Mob sono un pò come i moderni Pantera” ha detto in un’intervista…Ma se li ricorda i Pantera?????Manco gli bacia i piedi…

    Reply
    • cosimo

      beh si, in effetti associare gli Adrenaline Mob ai Pantera mi fa venire il dubbio che la band che suonava songs tipo “Cowboys from Hell” o “Cemetary gates”, etc etc, in realtà non fossero i Pantera! io adoro Mike Portnoy, ma un’affermazione del genere se la poteva risparmiare!

      Reply (in reply to Luca)
  8. fizu70

    caro VANISHING il nuovo album dei Dream Theater è il più bello dopo SCENES…. io sono un grande fan dei Theater e li ho sempre seguiti ma permettimi di dire che il torto è di Portnoy. Ha fatto tutto da solo se ne è andato, pretendeva che gli altri si fermassero (ma de che?), quando hanno scelto Mancini (lui aveva lasciato il suo posto di insegnante) Portnoy ha chiesto di rientrare. Petrucci giustamente ha detto che non potevano dire a Mancini, che si era licenziato (con moglie e figli) “scusa ma abbiamo scherzato”. Consentimi VANISHING ma Portnoy stà sbagliando. E poi da fan dei Theater consentimi un appunto, anche considerato che ero a Roma il 4 luglio e visto che ultimo album è bellissimo il sig. MANCINI è una BESTIA.

    Reply
  9. Pandoro

    Non si possono prendere una pausa per far respirare un po’ la loro musica… con tutti quelli che si scaricano i dischi se non fanno concerti muoiono di fame, e se non fanno dischi non possono fare concerti… questo è il punto!
    Comunque sia a me tranne AWAKE e IMMAGES AND WORDS hanno sempre fatto CACARE… Il signore in questione poi…ho avuto il “piacere” di conoscerlo in tour coi DM e con gli AVENGED SEVENFOLD (nei quali ha provato fino alla nausea a diventare un membro) e devo dire che è davvero un PAGLIACCIO!!!

    Reply
  10. Tatuline'68

    Ascolto i D.T. dalle loro origini (Majesty era il loro primo nome sapete? Con cui hanno anche edito il primo album) e quindi conosciuto (musicalmente tramite i loro lavori-progetti, anche extra D.T. vedi Liquid Expriment, etc…)ogni suo conponente ed ogni cambiamento di formazione della band.
    Continuo a non capire le motivazioni che hanno spinto Portnoy a lasciare i Dream o se fosse, il motivo per cui i Dream abbiano estromesso Portnoy dalla band: quale sarà mai la verità?
    Indipendentemente da ciò, Portnoy rimane indiscutibilmente un immenso batterista e sarà sempre ricordato come il batterista dei Dream. Ciò non toglie che Mangini anche mi piace, e lo ritengo un ottimo batterista. Non sò quanto abbia collaborato in idee e musicalità in quest’ultimo album, ma condivido con chi sostiene che quest’ultimo lavoro sia degno dei migliori album, vedi Scenes from a memory, per me anche Octavarium, Falling into infinity, etc e certo se l’arrivo di Mangini fa sì che non vengano realizzati album come Black Clouds & Silver Lining oppure come Systematic chaos allora ben venga l’arrivo di questo batterista; ritengo quegli album non brutti, ma poco ascoltabili e carenti di melodie e rimpiangevo sonorità presenti in brani come Another day, Hollow years, The spirit carries one etc ma anche come Metropolis, Lie, Octavarium…
    cosa che mi pare che inquest’ultimo lavoro ho ritrovato: che dire della traccia 8… Un capoloavoro musicale! Ma ritornando alla vicenda, chi abbia ragione non sò: fate vobis…

    Reply
  11. piero bruno

    ragazzi, se non vi piacciono i DT, non conporate i loro dischi!!!!
    io amo questa band con MP o senza, amo i loro dischi, tutti dal primo all’ultimo.
    panta rei, tutto passa ed e normale che ci stia qualche cambiamento.
    a proposito di Black clouds etc. io penso sia uno dei migliori cd, anche se un poco difficile a capire.
    viva i DT

    piero brunoi

    Reply
  12. Marco Giorgi

    Ma trombate

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi