Robin Beck – Recensione: Do You Miss Me

Nuova apparizione per Fabrizio Grossi, che continua il suo periodo di iperattività su quest’album della signora Christian. L’ex cantante degli House Of Lords è l’altra guest star di questo piacevole ‘Do You Miss Me’, riuscito incrocio fra le sonorità ottantiane di band come le Heart (quelle più mainstream, dall’album omonimo all’inizio degli anni ’90) e lavori più recenti, fra cui l’esempio più lampante potrebbe essere la Shania Twain più aggressiva. Questo tanto per inquadrare la succosa offerta. La produzione di Fabrizio Grossi (che come sempre si occupa anche del basso) stavolta, però, non funziona alla perfezione: l’album suona troppo asciutto, quando forse avvalersi del suono pieno delle tastiere (che sono invece totalmente e sorprendentemente assenti) avrebbe, una volta tanto, giovato. La voce di Robin Beck, invece, è ancora in grado di incantare, anche se a tratti vengono meno potenza e capacità di arrivare sulle tonalità più acute senza difficoltà.

A livello di composizione c’è poco da eccepire, se non che si sarebbe potuta cercare una maggiore varietà, invece di infilare una sequenza ininterrotta di mid-tempo, con risultati quasi inevitabilmente alterni. In ogni caso l’album si fa ascoltare e possiede, piuttosto sorprendentemente, la rara qualità di resisternza a ripetuti ascolti.

Come già detto, ‘Do You Miss Me’ è caratterizzato da una differenza qualitativa fra brani eccellenti ed altri appena passabili piuttosto netta: i pezzi migliori, come spesso accade, sono quasi tutti collocati nella prima metà. E’ ottima l’opener omonima: i secchi riff di chitarra, opera di Nick Savio, ben supportano il crescendo melodico vincente che sfocia in un chorus di sicura presa. Addirittura eccellente la successiva ‘Walk On The Moon’, vicina alle Heart più rilassate, con una prestazione vocale di grande impatto emotivo. Tradizionale ma efficace ‘Your Love Is Tough’, sostenuta dal magnetismo del basso di Fabrizio Grossi, così come funziona pur nella sua semplicità la dolce ‘The Safest Place’. Dove Robin Beck si dimostra meno a proprio agio è in pezzi come ‘What About Us’, che si spostano su territori a lei meno consoni. E’ solo un attimo, però: con ‘I Wanna Hear It From You’ si ritorna su livelli di eccellenza. Riprendendo l’osservazione fatta in apertura, è il caso di sottolineare che in frangenti come questi una produzione con un suono più "pieno" e l’impiego di tastiere avrebbero reso la presa emotiva semplicemente devastante. La già citata Shania Twain (tenete in mente soprattutto l’esempio di ‘Come On Over’) emerge come termine di paragone nel sublime pop di ‘Stone By Stone’ e ‘Coming Back For More’, in cui basso e voce si alleano per entrare nella testa dell’ascoltatore e rimanervi stabilmente.

Passando al lato negativo, i pezzi non menzionati sono decisamente scialbi, finendo per rendere difficile credere che siano opera della stessa band, tanto stentano a decollare. Ma in questo genere di musica, per fortuna, l’incostanza è un male minore.

In definitiva, con più della metà dell’album su livelli di eccellenza, è il caso di consigliare caldamente ‘Do You Miss Me’ a tutti gli appassionati di hard rock melodico di impronta romantica. Nonostante i difetti evidenziati prima, infatti, si tratta di un lavoro che non deluderà, potendo vantare numerose frecce avvelenate al proprio arco.

Voto recensore
7
Etichetta: Frontiers

Anno: 2005

Tracklist: 01. Do You Miss Me
02. Walk On The Moon
03. Your Love Is Tough
04. The Safest Place (I Wanna Be Strong)
05. What About Us
06. I Wanna Hear It From You
07. Stone By Stone
08. Find A Little Faith
09. Coming Back For More
10. I Don't Wanna Play That Game Anymore
11. Takin' A Ride
12. Bring It Back

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi