Accept – Recensione: Death Row

Il successore di ‘Objection Overruled’ è un vero macigno, sulla scia di ‘Russian Roulette’, l’album si snoda lungo episodi monolitici ed aggressivi, ma forse troppo lineari e ripetitivi. Non mancano i buoni spunti (la titletrack e ‘Sodom & Gomorrah’ si fanno apprezzare) ma in una visione d’insieme i brani sono troppo simili tra loro per sorprendere davvero l’ascoltatore. La grinta però è sempre quella e lo dimostrerà anche il tour successivo, che fa registrare il session di lusso Stefan Schwarzmann (ex Running Wild) alla batteria, chiamato a sostituire Kaufmann, purtroppo sempre interessato da problemi di salute.

Etichetta: Pavement

Anno: 1995

Tracklist:

01. Death Row
02. Sodom & Gomorra
03. The Beast Inside
04. Dead On
05. Guns`R Us
06. Like A Loaded Gun
07. What Else
08. Stone Evil
09. Bad Habits Die Hard
10. Prejudice
11. Bad Religion
12. Generation Clash II
13. Writing On The Wall
14. Drifting Apart
15. Pomp And Circumstance


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi