In Aeternum – Recensione: Dawn Of A New Aeon

Il nuovo album degli svedesi In Aeternum è una professionale ed onesta release di speed/thrash metal anni ’80 che molto deve ad acts quali Venom, Celtic Frost, Hellhammer e Dissection prima maniera. La band si esprime attraverso la velocità di esecuzione, ritmi serrati e tutte le caratteristiche del suddetto genere: vocals lacerate, riff graffianti, una sezione ritmica schiacciasassi. Se alla band nordeuropea vanno da un lato riconosciute una forte coerenza verso il proprio discorso musicale e doti esecutive di tutto rispetto, dall’altro non si può fare a meno di sottolineare come la sua proposta sia oggigiorno obsoleta e soprattutto mancante di quella personalità necessaria ad emergere dall’anonimato quando si percorre un sentiero più volte battuto da altri.

I brani tendono infatti a risultare ripetitivi e poco entusiasmanti, nonostante alcune variazioni sul tema, come i sinistri rallentamenti di ‘Devil In Me’, o i momenti cadenzati che potremo scorgere in ‘Ulimate Extermination’ e ‘Spawned By The Fires Below’. Non basta la presenza di una guest star del calibro di Mike Wead (King Diamond/Mercyful Fate), autore di un assolo peraltro poco ispirato su ‘Pactum Diaboli’, per risollevare le sorti di ‘Dawn Of A New Aeon’. Un album che ripetiamo essere molto coerente, ma privo di spunti tanto interessanti da elevarlo oltre la tipica release da fan sfegatato del genere.

Voto recensore
5
Etichetta: Agonia / Masterpiece

Anno: 2005

Tracklist:

01.Crusade
02.A New Dawn
03.Poison The Holy
04.Pactum Diaboli
05.Devil In Me
06.Seven Storms Of Doom
07.Unholy Sons Awakened
08Ultimate Extermintion
09.No Salvation
10.Spawned By The Fires Below


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi