Black Flag – Recensione: Damaged

Il primo album della band che vede Henry Rollins alla voce. La sua furia e la sua ferocia hanno reso “grandi”, in quegli anni, i Black Flag. Inizialmente, la Unicorn Record (sussidiaria della MCA) si era presa carico di produrre il disco ma poi rifiutò a causa dei contenuti del full-length giudicati volgari, forti e dannosi per i giovani. La SST Record, etichetta di proprietà del chitarrista nonché principale fondatore della band Greg Ginn, successivamente decise di pubblicare il lavoro: risultato di questa operazione furono consensi da parte di critica e pubblico. Del resto, come dimenticare brani intitolati ‘Rise Above’ o ‘Gimmie Gimmie Gimmie’? Ribellione, intensità e provocazione.

Etichetta: SST

Anno: 1981

Tracklist:

01. Rise Above

02. Spray Paint

03. Six Pack

04. What I See

05. TV Party

06. Thirsty and Miserable

07. Police Story

08. Gimmie Gimmie Gimmie

09. Depression

10. Room 13

11. Damaged II

12. No More


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi