Bring Me The Horizon – Recensione: Count Your Blessings

Primo full-lenght per i giovani inglesi Bring Me The Horizon. A dispetto delle apparenze (il vocalist è praticamente un’icona della moda giovanile inglese e americana, proprietario di una linea d’abbigliamento e idolo delle ragazzine di mezzo mondo) la proposta musicale del quintetto di Sheffield è del tutto differente dallo stile con cui si vestono. Il frutto del lavoro del combo inglese è una delle prime versioni di quello che oggigiorno è definito come "deathcore" . Parti strumentali prettamente death, dettate da una sezione ritmica serrata ben accompagnata da un ottimo lavoro alle chitarre, si fondono con l’attitudine hardcore dei cinque ragazzi dando vita ad un sound discretamente innovativo ed originale. Le doti vocali del singer Oliver Sykes sono davvero commendevoli, la sua capacità di passare da uno scream alto e graffiante ad un growl gutturale e profondo va sottolineata e apprezzata, a prescindere del gradimento o meno della sua persona. La giovane età influenza però il risultato finale: il gruppo risulta leggermente immaturo nella sua spasmodica ricerca del breakdown, rendendo ripetitiva la formula compositiva delle song. Leggera ripetività a parte la release rimane comunque un lavoro innovativo e molto apprezzabile. Data la visibilità mediatica del gruppo l’album ha avuto discreto successo(del tutto meritato) fattore che ha contribuito non poco a portare alla luce e mettere in risalto questa scena relativamente nuova che ha saputo sfornare ottimi gurppi in questi ultimi due anni.

Voto recensore
8
Etichetta: Visible Noise

Anno: 2006

Tracklist:

01. Pray For Plagues

02. Tell Slater Not To Wash His Dick

03. Braile(For Stevie Wonder's Eyes Only

04. A Lot Like Vegas

05. Black And Blue

06. Slow Dance

07. Liquor And Love Lost

08. (I Used To Make Out With) Medusa

09. Fifteen Fathoms, Counting

10. Off The Heezay


Sito Web: http://www.myspace.com/bmth

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi