Ira – Recensione: Chaotic Regression

I milanesi Ira presentano ‘Chaotic Regression’, secondo EP autoprodotto per l’ensemble lombardo. La band è dedita ad un death metal tecnico nel quale confluiscono elementi sonori facenti parte sia della scuola americana (Death del periodo mediano, Carcass) sia di quella svedese (At The Gates su tutti), bilanciando la violenza esecutiva con interessanti exploit melodici.

Ne è un esempio ‘The Syndrom Of Decline’, un brano compatto e molto accurato da un punto di vista esecutivo, fatto di accelerazioni e rallentamenti, dove si può percepire come i nostri tengano ad inserire parti di chitarra graffianti ma altrettanto orecchiabili. Una tecnica ancora più evidente nella successiva ‘Shattered Soul’, dove i tappeti di riff sono veramente piacevoli e d’impatto, di chiara derivazione classica (ottimo in questo senso il lavoro svolto dal vocalist e chitarrista Beppe “Rex” Caruso, dotato anche di un growling ben impostato e interpretativo).

Chiude il dischetto ‘Other Dimension Of Reality’, un episodio più compatto dove si distingue una sezione ritmica precisa e fantasiosa.

Insomma, ‘Chaotic Regression’ è un lavoro che pur seguendo le direttive tracciate dai principali esponenti del genere, si distingue grazie a un songwriting maturo e alle spiccate capacità esecutive della band. Speriamo nell’interesse di un’etichetta che possa puntare sulle capacità di questi ragazzi, nel frattempo, chi volesse una copia di ‘Chaotic Regression’ può procurarsela tramite il sito: http://www.kickagency.com/band_ira.html

Etichetta: Autoprodotto / Kick Agency

Anno: 2006

Tracklist:

01.Intro
02.The Syndrom Of Decline
03.Shattered Soul
04.Other Dimension Of Reality
05.Outro


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi