Uriah Heep – Recensione: Celebration: Forty Years Of Rock

Una raccolta auto celebrativa per festeggiare quarant’anni di carriera. Tra i gruppi più importanti del rock inglese, gli Uriah Heep sono stati, e lo sono tutt’ora, una delle band più significative degli anni ’70, ispirando una serie sterminata di musicisti. Fonte d’ispirazione di moltissimi gruppi, non si capisce perché, nell’immaginario comune, gli Uriah Heep debbano occupare una posizione defilata, rispetto ai Led Zeppelin, Deep Purple e Black Sabbath, avendo contribuito in modo paritario a forgiare l’hard rock. Con “Celebration: Forty Years Of Rock” hanno colto l’occasione per riproporre alcuni loro classici, ‘rimodernando’ il suono originale con una produzione in linea con gli standard odierni, risuonandoli completamente con la formazione attuale. Il baffuto chitarrista Mick Box è l’unico membro originale rimasto, unico titolare del nome, che con enorme passione porta avanti il progetto Uriah Heep. “Celebration” è un’ottima occasione per riascoltare dei classici immortali, per chi ha nel cuore la loro musica, mentre per i neofiti trattasi di una buona opportunità per conoscerli, apprezzarli e magari riscoprirli. Tra l’altro vi sono anche tre inediti interessanti, soprattutto “Corridors Of Madness” che ricorda le atmosfere poetiche dei brani nati negli anni ’70. L’edizione speciale contiene anche un DVD, con le riprese del concerto suonato allo Sweden Rock Festival 2009.

Travellers in time

Etichetta: Ear Musci / Edel

Anno: 2009

Tracklist: 01. Only Human
02. Bird Of Prey
03. Sunrise
04. Stealin’
05. Corridors Of Madness
06. Between Two Worlds
07. The Wizard
08. Free Me
09. Free And Easy
10. Gypsy
11. Look At Yourself
12. July Morning
13. Easy Livin’
14. Lady In Black

Sito Web: http://www.uriah-heep.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi