Categoria: Time Warp

Slayer – Recensione: Show No Mercy

Slayer d’inizio carriera, quando ancora non esistevano thrash e death e si usava il termine speed per qualsiasi cosa suonasse più veloce e pesante degli Iron Maiden; giovanissimi e, col senno di poi, piuttosto confusi, evidentemente proiettati in avanti (in buonissima parte grazie alle idee ispirategli dai Venom)...

White Lion – Recensione: Pride

Un titolo scarno, una copertina così bianca che più bianca non si può, quattro volti che rasentano l’anonimato. Se oggi ci si presentasse davanti un disco così, difficilmente ce ne interesseremmo. Eppure, ‘When The Children Cry’ e ‘Wait’ sono arrivate rispettivamente al terzo e all’ottavo posto della classifica...