Elysian Blaze – Recensione: Blood Geometry

“Blood Geometry” è il terzo lavoro sulla lunga distanza degli Elysian Blaze, una one man band australiana dedita a un pachidermico ed onirico black / funeral doom metal. L’opera è senza dubbio pretenziosa: ben due dischi per un totale di due ore e dieci minuti di musica, con la proposta che gravita attorno a delle lunghe suite dall’incedere monolitico che a tratti lascia spazio ad esplosioni di rabbia in chiave black e ad ampie parti (per la verità ripetitive al parossismo) di ambient/noise. La natura del prodotto già di per sé lo riserva esclusivamente ai fruitori del panorama underground, complice anche una produzione volutamente lo-fi, talmente ruvida da portarci alla mente alcuni demo e release di gruppi black metal nordeuropei dei primi anni ’90. Se dunque da un lato vogliamo riservare un plauso a Mutatiis (il master mind del gruppo) per aver eluso ogni possibile compromesso con il music-business ed aver avuto il coraggio di esporre un esito tanto complesso e fuori  dagli schemi, dall’altro segnaliamo come il nostro non sia comunque riuscito ad evitare di impantanarsi in composizioni troppo fini a sé stesse e a tratti snervanti nel loro incedere ingiustificatamente lungo, soprattutto quando non fanno altro che ripetere suoni noise ad libitum. Evitiamo comunque una valutazione numerica. E’ probabile che la nicchia di pubblico legata alle sonorità sotterranee consideri “Blood Geometry” un capolavoro di malinconia, turbamento interiore e genio musicale, chi invece è ormai abituato a produzioni hollywoodiane e alla perfezione formale, non si avvicini nemmeno.

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Osmose Prod.

Anno: 2012

Tracklist:

CD 1

01. A Choir For Venus 04:30
02. The Temple Is Falling 18:25
03. Sigils That Beckon Death 23:55
04. Blood Geometry 09:00
CD 2
01. Blade For Twilight 03:45
02. Pyramid Of The Cold Son 22:21
03. Blood Of Ancients, Blood Of Hatred 36:36
04. Void Alchemy 11:11


Sito Web: http://www.facebook.com/pages/Elysian-Blaze-OFFICIAL/302084753146728

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi