Cripple Bastards – Recensione: Blackmails And Assholism

E anche per i Cripple Bastards arriva il doppio Dvd antologico. Una scelta a sorpresa per una band, sì attiva da vent’anni, ma in grado di sfornare solo tre full-lenght in studio (l’arrivo del quarto è atteso per quest’anno). Il prodotto comunque è buono, anche se un po’ troppo amatoriale, soprattutto nel primo cd, dove vengono ripercorsi i primi dieci anni di vita del gruppo. A dire il vero, se manca la professionalità è qui che comunque emerge più forte il lato passionale della musica. Il provare solo in due persone, portando gli strumenti a spalla all’ultimo piano di un mulino; farsi staccare amplificazione e microfoni per l’elevato volume, essere contro tutto e tutti. Cose che, purtroppo, si sono un po’ perse.

Il secondo dvd è più lavorato, più curato, in linea con l’evoluzione della band, anche musicale e tecnica. E se il primo dischetto è un film unico, con miriadi di interviste a ogni singolo componente della storia della band piemontese, il secondo è invece diviso in singoli episodi che raccontano di diversi aspetti della vita, anche on-the-road, della band. Inoltre, sempre nel secondo dvd, è presente anche l’intera esibizione tenuta all’Obscene Extreme del 2003.

Si tratta, in definitiva, di un’opera a due facce. Imperdibile per gli appassionati della band grindcore italiana, forse eccessivamente particolareggiato per tutti coloro che non la seguono pedissequamente. La prima parte ha, almeno, un valore storico-sociale. Nella seconda, invece, si esagera nei particolari e spesso si finisce per sentire dire le stesse cose dai diversi membri della band. Rimane comunque la bella impressione lasciata da un gruppo che, si vede, fa di tutto per accontentare i propri fan.

Etichetta: Obscene

Anno: 2007

Tracklist: D I S C 1:
- 1988-1998 documentary
- video-report of the first US tour (East Coast 2002)
- video-report of the second US tour (West Coast 2003)
- extras/trailer

D I S C 2:
- 1998-2007 documentary
- Live @ Obscene Extreme 2003

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi