Metallus.it

Black Sabbath: Ozzy risponde a Bill Ward – “che cazzo stai dicendo?!”

Ieri Bill Ward, batterista originale dei Black Sabbath, che negò la reunion con la formazione storica che lo avrebbe visto insieme a Ozzy Osbourne, Tony Iommi e Geezer Butler, ha spezzato il silenzio che era cominciato nel 2012 con una lunga dichiarazione in cui affermava che avrebbe preso parte ad una reunion di membri originali della band esclusivamente se Ozzy Osbourne gli avesse chiesto scusa pubblicamente smentendo varie dichiarazioni sul suo conto a suo avviso fasulle.

Ozzy Osbourne ha letto la lunga dichiarazione di Bill Ward e sulla sua pagina Facebook ha così risposto:

Non avrei mai voluto affrontare questo argomento su un forum pubblico, ma le dichiarazioni di Bill onestamente non mi hanno lasciato altra scelta.

Woe, Bill, che cazzo stai dicendo?! Non posso chiedere scusa per commenti o opinioni che ho espresso su di te durante le conferenze stampa per l’uscita dell’album e il tour di “13” dei Black Sabbath – fisicamente, sapevi di essere fottuto.

Tony, Geezer ed io non pensavamo di poter tenere un concerto di due ore con un assolo di batteria ogni sera, così abbiamo preso la decizione di andare avanti.
Con le condizioni di Tony, abbiamo sentito che il tempo non era dalla nostra parte.

Bill, ferma questa cortina fumogena che stai facendo intorno ad un “contratto non firmabile” e siamo onesti. Nel profondo, si sapeva che non eri in grado di fare un album e di affrontare un tour di 16 mesi.

Purtroppo per te, le nostre supposizioni erano corrette visto che sei stato ricoverato in ospedale più volte nel corso del 2013. Il tuo ultimo ricovero è avvenuto per un intervento alla spalla ed ora vai dicendo che hai recuperato da solo. Questo avrebbe comportato l’annullamento del nostro tour mondiale. Quindi tutto ciò sarebbe solo colpa mia? Smettila di coprire il ruolo della vittima e sii onesto con te stesso e con i nostri fan.

Bill, torniamo indietro nel tempo, fermiamoci adesso prima che ci sfugga di mano.

Dio ti benedica.

Love, Ozzy

Exit mobile version