Autore: Marco Soprani

Folgorato in tenera età dalle note ruvide di Rock'n'Roll dei Motorhead (1987), Marco ama fare & imparare: batterista/compositore di incompresa grandezza ed efficace comunicatore, ha venduto case, lavorato in un sindacato, scritto dialoghi per una skill di cucina e preso una laurea. Sfuggente ed allo stesso tempo bisognoso di attenzioni come certi gatti, è un romagnolo-aspirante-scandinavo appassionato di storytelling, efficienza ed interfacce, assai determinato a non decidere mai - nemmeno se privato delle sue collezioni di videogiochi e cuffie HiFi - cosa farà da grande.

About Marco Soprani

has published 237 posts

Folgorato in tenera età dalle note ruvide di Rock'n'Roll dei Motorhead (1987), Marco ama fare & imparare: batterista/compositore di incompresa grandezza ed efficace comunicatore, ha venduto case, lavorato in un sindacato, scritto dialoghi per una skill di cucina e preso una laurea. Sfuggente ed allo stesso tempo bisognoso di attenzioni come certi gatti, è un romagnolo-aspirante-scandinavo appassionato di storytelling, efficienza ed interfacce, assai determinato a non decidere mai - nemmeno se privato delle sue collezioni di videogiochi e cuffie HiFi - cosa farà da grande.

Mindivide – Recensione: Fragments

I Mindivide sono una formazione nata in Germania verso la fine del 2020, per impulso degli italiani Rosanna Taormina (voce), Stefano Mancarella e Vito Taormina (chitarre): completata la line-up con gli innesti in pianta stabile di Markus Kollmannsberger al basso ed Alex Schulz alla batteria, la band ha...

Rain – Recensione: A New Tomorrow

Recensire una band come i bolognesi Rain è una sfida interessante, perché devi cercare di condensare in poche parole non solo le impressioni sul nuovo disco, ma anche la descrizione di una realtà per certi versi sfuggente, per alcuni inespressa e per altri addirittura irrisolta. Attivi fin dagli...

Marco Mendoza – Recensione: New Direction

Bassista per Thin Lizzy, Whitesnake, Journey, Ted Nugent e The Dead Daisies (della serie, “astenersi perditempo”) e già autore di tre dischi solisti, lo statunitense Marco Mendoza è una specie di eterno ragazzo del rock – alla soglia dei sessant’anni, nonostante l’aspetto sbarazzino – con un curriculum di...

Lunarian – Recensione: Burn The Beauty

“Lunarian” è il nome del nuovo progetto, sostantivo quest’ultimo che nel recente passato ha spesso sostituito il termine band, che Frontiers ha costruito attorno a Ailyn Giménez García, cantante spagnola classe 1982 che abbiamo già visto all’opera con Sirenia, Her Chariot Awaits, Heart Healer ed altri ancora. Se...

Taboo – Recensione: Taboo

Se, negli anni pre-Covid, il mio progetto iniziale era quello di visitare in successione le capitali scandinave, è accaduto che alla fine sono tornato per tre volte consecutive nella stessa città: Copenaghen mi ha conquistato per la sua atmosfera, per la sua anima nordica e soprattutto perché ha...

Ultima Grace – Recensione: Ultima Grace

Se trovate stuzzicante l’idea di un power metal giapponese con Anette Olzon (Alyson Avenue, Nightwish, Allen/Olzon ed altro ancora) alla voce, la sempre più eclettica Frontiers corre in vostro aiuto con questi Ultima Grace, formazione nella quale il talento dell’interprete svedese si sposa con un quartetto capitanato dal...