Author: Marco Soprani

Folgorato in tenera età dalle note ruvide di Rock'n'Roll dei Motorhead (1987), Marco ama fare & imparare: batterista/compositore di incompresa grandezza ed efficace comunicatore, ha venduto case, lavorato in un sindacato, scritto dialoghi per una skill di cucina e preso una laurea. Sfuggente ed allo stesso tempo bisognoso di attenzioni come certi gatti, è un romagnolo-aspirante-scandinavo appassionato di storytelling, efficienza ed interfacce, assai determinato a non decidere mai - nemmeno se privato delle sue collezioni di videogiochi e cuffie HiFi - cosa farà da grande.

About Marco Soprani

has published 384 posts

Folgorato in tenera età dalle note ruvide di Rock'n'Roll dei Motorhead (1987), Marco ama fare & imparare: batterista/compositore di incompresa grandezza ed efficace comunicatore, ha venduto case, lavorato in un sindacato, scritto dialoghi per una skill di cucina e preso una laurea. Sfuggente ed allo stesso tempo bisognoso di attenzioni come certi gatti, è un romagnolo-aspirante-scandinavo appassionato di storytelling, efficienza ed interfacce, assai determinato a non decidere mai - nemmeno se privato delle sue collezioni di videogiochi e cuffie HiFi - cosa farà da grande.

Axenstar – Recensione: Chapter VIII

“Una convergenza di esperienza ed innovazione”. E’ così che l’etichetta svedese Inner Wound Recordings, che avevo recentemente conosciuto in occasione dell’uscita dei nostrani Draconicon, definisce brillantemente l’ottavo album degli Axenstar, quartetto di Västerås dedito al power metal ed attivo dal 1999. Un gruppo, quello oggi formato da Magnus...

Animamortua – Recensione: Gods Among Us

Gli Animamortua sono una metal band proveniente dall’isola di Malta, un territorio piccolo ma dal quale nel recente passato mi è capitato di ascoltare cose interessanti: per questo motivo, quando ho avuto la possibilità di recensire il loro disco di debutto, pubblicato peraltro dalla piemontese Underground Symphony, all’immancabile...

Dogma – Recensione: Dogma

Dovreste vederlo. Quando mia mamma coccola il suo gatto Federico, che fino a qualche mese fa chiamavamo “Miss” perchè entrambi convintissimi che fosse una femmina, lui è così eccitato e felice che comincia a fare le fusa e girare su se stesso, impreparato a tante attenzioni e felicità....

DGM – Recensione: Life

“Divisivi come solo i Grandi Meritano”, o “DGM” appunto. Perché, non ce ne vogliano i membri fondatori Diego Maurizio e Gianfranco, basta un giretto tra i commenti dei social per vedere come, quando si parla degli alfieri italiani del power progressive metal, si passi dal “fanno lo stesso...

Draconicon – Recensione: Pestilence

Al debutto con l’etichetta svedese Inner Wound Recordings, i Draconicon sono una dark power metal band che prende ispirazione dai grandi maestri del genere, con varie e importanti influenze, passando dal metal estremo alla musica classica. Naturale quindi che alcune delle principali fonti di ispirazione siano Kamelot, Powerwolf...

Tarja – Recensione: Dark Christmas

Tra tutti gli album di Natale possibili, “Dark Christmas” della finlandese Tarja Soile Susanna Turunen-Cabuli (o Tarja e basta, senza dover necessariamente citare tutte le volte i trascorsi con i Nightwish) è uno di quelli che hanno forse più senso. Perché “From Spirits and Ghosts (Score for a...

Temple Balls – Recensione: Avalanche

In occasione dell’uscita di “Pyromide” avevo definito i Temple Balls come una band caratterizzata da una semplicità convinta, allo stesso tempo limpida, onesta e diretta. Caratteristiche che si riflettevano in un hard rock genuino, non troppo elaborato ma comunque in grado di generare simpatia, trasporto e divertimento senza...

Isometry – Recensione: Break The Loop

Gli Isometry sono una nuova band progressive metal proveniente da Torino e formata da Andrea Perdichizzi (voce), Lorenzo Carrano (chitarra), Alberto Ferreri (batteria) e Luca Capurso (basso): amanti di Dream Theater e Symphony X, i quattro sono freschi di accordo con The Triad Rec (etichetta di promozione digitale...