Author: Anna Minguzzi

E' mancina e proviene da una famiglia a maggioranza di mancini. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi mai smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va al cinema, canta, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Adora i Dream Theater, anche se a volte ne parla male.

About Anna Minguzzi

has published 13604 posts

E' mancina e proviene da una famiglia a maggioranza di mancini. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi mai smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va al cinema, canta, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Adora i Dream Theater, anche se a volte ne parla male.

Lady & The Bass – Recensione: Groovy

Ancora una volta ci troviamo di fronte a un progetto parallelo, consigliato a tutti, nel quale un musicista di casa nostra esce quasi completamente dagli schemi con l’intento di dare sfogo a una parte più nascosta della sua personalità compositiva. Un’altra cosa importante da dire a proposito di...

Ken Hensley: in concerto in Italia

Dopo anni passati ad omaggiare il repertorio dei Deep Purple (anche in compagnia di Ian Paice, batterista dei Deep Purple), i Forever Deep, cambiano pelle e si trasformano nei FOREVER HEEP. Ad accompagnarli il grande KEN HENSLEY, tastierista storico degli URIAH HEEP. Insieme suoneranno il repertorio storico degli Heep, da “July...

Alias Eye – Recensione: In Between

Non è semplice trovare un termine di paragone per gli Alias Eye, band tedesca attiva fin dal 1988 al suo quarto album, passata per l’ormai, purtroppo, consueta  trafila degli innumerevoli cambi di line up che ne hanno pregiudicato l’attività negli ultimi tempi. Nel momento in cui la situazione...

Lord Of Mushrooms – Recensione: Perspectives

A distanza di sette anni dalla loro ultima uscita discografica, tornano sul mercato i Lord Of Mushrooms, la cui formazione comprende musicisti provenienti da tre nazioni differenti, Francia, Italia e Brasile, che ha fatto della ricerca musicale il proprio cavallo di battaglia. Risulta infatti praticamente impossibile attribuire un’etichetta...