Arachnes – Recensione: A New Day

Classe, tecnica ed esperienza al servizio della musica. Questa la sintesi perfetta per descrivere la carriera degli Arachnes, band tutta italiana in giro da oltre un decennio ed autrice di cinque album dal grosso spessore artistico. “A New Day” è il sesto lavoro sulla lunga distanza per i nostri che amplifica ulteriormente l’amore per il prog anni ’70, fatto di hammond e schitarrate sanguigne, ma riletto in chiave moderna e sorretto da suoni di synth elettronici.

Abbandonate del tutto le divagazioni power e classiche degli esordi, gli Arachnes si gettano con l’opener “I Know The Darkness” su ritmiche incalzanti, con le tastiere di Enzo Caruso pronte a gettare scompiglio all’interno del brano quando sembra che tutto fili liscio. Il lavoro di chitarra del fratello Frank si dipana con la consueta disinvoltura tra partiture prog e momenti prettamente classici, come nell’adrenalinica “In The Fog”. Rispetto ai dischi dello scorso decennio gli Arachnes hanno perso quella verve power, che, se da una parte permette di fare un balzo in avanti a livello di personalità e maturazione, dall’altro fa perdere quel gusto melodico che permeava il singolone “Arachne” o la splendida “Apcalypse”, dell’ormai lontano 2002. Ciò emerge ad esempio in “Running In An Old Town”, adrenalinica e variopinta, ma poco memorizzabile anche sulla lunga distanza. “A New Day” è un lavoro strumentalmente sopraffino, che merita applausi soprattutto nei duelli guitar – keys, sempre dotati di grande verve e che evidenziano i numi tutelari dei nostri: i mitici Purple (non per nulla c’è pure la cover di “Fireball”).

Gli Arachnes ci propongono l’ennesimo disco di qualità, che prosegue la lettura in chiave moderna, magari non originalissima ma efficace, dell’prog metal settantiano, reinterpretato con sonorità del nuovo millennio con gusto ed efficacia. E’ un vero peccato che la Lion Music abbia  messo in vendita “A New Day” solo nella versione digitale, ma attendiamo l’edizione fisica dell’album, per completare la nostra collezione.

Voto recensore
7
Etichetta: Lion Music

Anno: 2011

Tracklist:

 

01. Know the Darkness 04:59
02. Big Hearth 03:51
03. I’m Sorry 04:14
04. Into the Fog 03:24
05. Magic World 04:57
06. My Face Is Hard 03:40
07. Running in an Old Town 04:20
08. Take Your Life 04:40
09. Parallel Worlds 02:10
10. The Reason of the Things 03:20
11. Your Death 04:47 (instr.)
12. Fireball 03:34


1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Frank Caruso

    Un ringraziamento ed un saluto a tutti! A breve la verdsione su cd con 2 bonus track, in cantiere anche la pubblicazione della versione live di arachne….. il Cd sarà disponibile sul sito ufficiale http://www.arachnes.it, rock on!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi