5 motivi per cui l’Heavy Metal è diventato il genere musicale della globalizzazione

Navigando in rete ci siamo imbattutti in un articolo del Wall Street Journal dal titolo “The Weird Global Appeal of Heavy Metal“, un post che in modo abbastanza approfondito analizza il metal come uno dei pochi generi, se non l’unico, in grado di essere veramente trasversale in tutto il Pianeta, in grado di riunire sotto la stessa bandiera milioni di persone: l’Heavy Metal quindi come “colonna sonora” della Globalizzazione.

Non vi proporremo l’intero articolo di seguito, ma abbiamo cercato di sintetizzare in cinque punti salienti descritti dall’autore Neil Shah. A fondo pagina trovate anche il link all’articolo originale.

1 – Le barriere linguistiche vengono abbattute dalla musica

Hangaii

Sebbene i testi nell’heavy metal siano da sempre molto importanti, la musica e l’impatto sonoro è fondamentale per definire il genere, risultando subito riconoscibile e trasversale nei vari sottogeneri ma soprattutto in tutte le diverse parti del Mondo. Il rombo di una chitarra elettrica o una doppia cassa sparata a mille saranno in grado di aggregare migliaia di persone, senza la necessità di una vera comunicazione verbale. Lo dimostrano i tantissimi festival, dove si riuniscono tantissimi metalheads da tutto il mondo. Corna al cielo e abbracci sudati.

2 – Suonare metal è sinonimo di maggiore benessere

OverthrustCome ben sanno tutti i musicisti, suonare heavy metal necessita di un investimento, oltre che in termini di tempo, soprattutto in termini monetari per strumentazione, prove, registrazioni ecc. Escludendo Europa e America del Nord, gli altri Continenti hanno spesso sofferto (Brasile escluso) di una scena meno consistente, se non del tutto assente. Questo è dovuto anche e soprattutto a una tema di comunicazione e di benessere. La comunicazione è stata agevolata dall’utilizzo massivo di internte, mentre lo sviluppo economico di molti Paesi ha permesso ai suoi abitanti la scoperta del metal (come di tante altre cose) dando vita a tantissime nuove scene interessanti. Basti pensare all’Africa e all’Asia, Continenti marginali nel panorama metal fino a qualche anno fa e, ultimamente, in forte ascesa. Lo dimostra l’annuale Metal Battle di Wacken.

3 – Il metal può assumere anche una connotazione politica

orphanedland

Non stiamo parlando di destra o sinistra, ma piuttosto di smuovere le coscenze e portare e diffondere un messaggio, di pace, di rivoluzione o di altro tipo. Nell’articolo vengono citati ad esempio gruppi come gli Orphaned Land (Israele) e Khalas (Palestina) che condividono il tour bus per promuovere la pace sui loro territori. Pensiamo però anche al metal come messaggio di ribellione contro regimi oppressivi e dittatoriali. Il metal diventa quindi uno sfogo sociale ma anche un mezzo per dare vita alla protesta o semplicemente a una proposta politica. Non da ultimo, è simpatico ricordare come il presidente dell’Indonesia Joko Widodo sia un fervente appassionato metal. Notizia di pochi giorni fa è stata l’elezione di Freddy Lim, cantante  dei Chthonic, a Taiwan come legislatore del quinto distretto di Taipei.

4 – Il metal è fratellanza

tumblr_m5zizlzdyk1r8urmjo1_500Soprattutto in Paesi e zone del Mondo più in difficoltà, la possibilità di ricondursi a un’unica bandiera riconoscibile, riunisce le persone dando loro un obiettivo e una speranza. Diventa quindi una nazione sopra la nazione, un popolo unito. Questo si collega in parte con il punto tre ma assume una maggior rilevanza in termini puramente umanitari. Questa considerazione non vale necessariamente solo per i Paesi poveri, ma anche nel cosiddetto occidente, dove i problemi di natura personale e relazionale sono all’ordine del giorno. Il metal diventa quindi una cura per lo spirito. Colore, sesso, razza, ceto sociale o nazione non fanno differenza.

5 – La partecipazione femminile è in continuo aumento e crescita

Rock-Goddesses

E’ senza dubbio uno dei tratti fondamentali dello sviluppo mondiale, civile ed economico. Le donne come motore della nostra civiltà, con una partecipazione sempre maggiore in molti di quegli ambiti da cui erano state escluse fino a pochi anni fa. Nel metal questo succede già da anni, ma i tempi più recenti hanno dimostrato un impennata di interesse da parte del pubblico femminile verso il metal, nonchè una sempre maggiore percentuale di musicisti e cantanti donne. Gli esempi sono tantissimi come Butcher Babies, Arch Enemy, Nightwish, Blues Pills, Girlschool, Avatarium, In This Moment, Temperance e molte altre band.

Questa è una nostra personale sintesi dei punti salienti dell’articolo che vi consigliamo di leggere integralmente sul sito del Wall Street Journal.

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi