Tag: Melodic Hard Rock

Tony Mills – Recensione: Beyond The Law

Dieci ultime, nuove canzoni, per dire addio. Il cinquantaseienne inglese Tony Mills ha una solida storia fatta di sudore e buon hard rock melodico, forgiata nei suoi seminali Shy (“Excess All Areas” del 1987, grande disco!) e proseguita con numerosi progetti, una carriera solista sporadica ma presente (5...

The End Machine – Recensione: The End Machine

Hard rock melodico nervoso, a tratti claustrofobico, a tratti colorato da suggestive armonie vocali e fortemente debitore della lezione dei King’s X: questo c’è nell’omonimo debutto dei The End Machine, creatura prodotta dal matrimonio tra l’attuale cantante egli Warrant Robert Mason, già frontman dei Lynch Mob, e tre...

Nordic Union – Recensione: Second Coming

Secondo atteso album per i Nordic Union: dopo l’eccellente esordio del 2016 Ronnie Atkins, frontman dei Pretty Maids, e Erik Martensson (Eclipse, W.E.T.) che suona tutti gli strumenti, assieme a Magnus Ulfstedt alla batteria confermano di saper scrivere ed interpretare alla grande brani melodic hard rock colorati di...

Atlas – Recensione: In Pursuit Of Memory

Interessante debutto quello degli Atlas, che arrivano dal nord dell’Inghilterra. La proposta musicale incrocia in maniera a tratti acerba ma sicuramente originale l’immediatezza dell’AOR con divagazioni dal sapore prog metal. Per capirci, sembra di ritrovarsi a metà anni ’90, con il proliferare di emuli dei Dream Theater, alcuni...

Tnt – Recensione: XIII

Non tutte le ciambelle riescono con il buco, nemmeno quando il pasticciere è un vero drago dell’arte dolciaria. Questo nuovo disco dei TNT è il più classico esempio di occasione sprecata che mi sia capitato di ascoltare recentemente. Che la band non fosse infatti più quella di tanti...

W.e.t. – Recensione: Earthrage

I W.E.T. sono senza dubbio uno dei progetti meglio riusciti tra quelli messi insieme dalla Frontiers in tutti questi anni di lavoro. Il loro debutto ha folgorato praticamente tutti gli amanti del hard deluxe e anche il successivo “Rise Up” ha confermato come la band sia in grado...

Signal Red – Recensione: Under The Radar

La presenza di Steve Grocott, chitarrista dei Ten, ma soprattutto del cantante Lee Small – uomo/ovunque protagonista negli anni scorsi di alcune release davvero notevoli da solista, con gli Shy, con il progetto Phenomena, con i Lionheart – induceva a guardare all’esordio dei Signal Red – completati da Brian...