Tag: Industrial Metal

3TEETH – Recensione: Metawar

Moderno? No, vecchio stile. Gli americani 3Teeth sono un gruppo industrial metal fondato sulla scia di Rammenstein, Ministry e, originariamente come un gruppo non serio, salvo poi andare in tour con Nine Inch Nails e Marilyn Manson negli anni seguenti. Prima di “Metawar”, il gruppo ha pubblicato altri...

Combichrist – Recensione: One Fire

Sei si ama musica potente composta chitarre martellanti, voci epiche e batterie che pestano come carri armati, si è anche coscienti che cose simili si possono trovare nella musica… dance. Fin dalla lontana creazione della musica disco negli anni 70, un tipo di musica basato più sul suono...

Motionless In White – Recensione: Disguise

A distanza di due anni dall’ultimo album “Graveyard Shift”, i Motionless in White tornano con un nuovo disco, il quinto nella carriera della band di Scranton.Partiamo da un presupposto: “Graveyard Shift” ci era piaciuto nella sua linearità e all’epoca avevamo auspicato una crescita della combo capitanata da Chris...

Ministry: l’ex tool Paul D’Amour si unisce alla band

Nuovo annuncio tra le fila dei veterani dell’industrial metal Ministry: la band ha infatti reclutato il bassista Paul D’Amour, ex membro dei Tool. Dopo la sua uscita dai Tool, D’Amour ha fondato il supergruppo di rock psichedelico Lusk, con la partecipazione di Brad Laner (MEDICINE), Greg Edwards (AUTOLUX, FAILURE) e Chris Pitman (GUNS N’ ROSES)....

Rammstein – Recensione: Rammstein

I fan dei Rammstein lo sanno bene, non c’è nulla che la band tedesca abbia mai lasciato al caso. Figuriamoci poi se in ballo c’è l’uscita di un nuovo album, il primo dopo dieci anni, il primo dalla pubblicazione di “Liebe ist für alle da”.Ed ecco spiegata la...

Samael: il video del brano “Samael”

A distanza di oltre un anno dall’uscita dell’ultimo album “Hegemony”, i Samael hanno reso disponibile in straming il video dell’omonimo pezzo “Samael”. Ricordiamo di seguito la trackist di “Hegemony”: 01. Hegemony 02. Samael 03. Angel Of Wrath 04. Rite Of Renewal 05. Red Planet 06. Black Supremacy 07....

Crematory – Recensione: Oblivion

I Crematory sono balzati di recente agli onori della cronaca grazie a una dichiarazione provocatoria (ma che invita a riflettere) del drummer Markus Jüllich, che ha simpaticamente mandato a quel paese i fans della band e i metalhead tutti per il loro atteggiamento irrispettoso verso la musica. I...

Ministry – Recensione: AmeriKKKant

“AmeriKKKant non è un disco anti-Trump. Questo è un disco interrogatorio sul perché l’abbiamo eletto” ha dichiarato Al Jourgensen in una recente intervista a proposito del nuovo album dei suoi Ministry. Basta infatti scorrere i titoli delle tracce che compongono l’ultimo platter dei pionieri dell’industrial per capire che...

Nine Inch Nails – Recensione: The Fragile

Disturbante, malinconico, maligno, emozionante: “The Fragile” – quattordicesima uscita ufficiale ma quarto album vero e proprio della band – è senza dubbio l’opera più complessa partorita dalla mente geniale di Trent Reznor con i suoi Nine Inch Nails. Sorta di colonna sonora di un mondo post-apocalittico – memorabile il...