Tag: AOR

Alien – Recensione: Into The Future

Settimo album per i veterani Alien, che quasi 35 anni dopo la nascita della band si fanno apprezzare per la loro capacità di affrontare con energia e convinzione melodic hard rock, alternando su “Into The Future” passaggi più ruvidi e pezzi che, invece, riecheggiano l’AOR più classico, i Journey su...

Rob Moratti – Recensione: Paragon

A partire dal fatto che l’opener di questo nuovo lavoro solista di Rob Moratti comincia con un contraddittorio “Oh no, Uh yeah”, è chiaro che bisogna approcciarsi a “Paragon” con la necessaria leggerezza, senza pretendere di trovarsi davanti ad un album che cambierà il mondo. Ma ciò non...

Stan Bush – Recensione: Dare To Dream

Questa recensione potrebbe essere terribilmente breve: Se volete tornare per 50 minuti negli anni ottanta, premete play e partite insieme a Stan Bush verso “Dare To Dream”. Mister Bush è un pluripremiato ed acclamato compositore, attivo da quasi quarant’anni, come scrittore per altri artisti, apparso in famose colonne...

Lionville – Recensione: Magic Is Alive

Formati a Genova dieci anni orsono dai fratelli Stefano ed Alessandro Lionetti, i Lionville giungono con “Magic Is Alive” alla pubblicazione del quarto album (il secondo per Frontiers), forti dei consensi raccolti dalle uscite precedenti e di un cantante – lo svedese Lars Säfsund (Work Of Art, Enbound)...

Return – Recensione: V-Remastered

Formati all’inizio degli anni ottanta da Knut Erik Østgård (voce), Steinar Hagen (chitarra), Tore Larsen (basso) e Øyvind Håkonsen (batteria) ed ispirati da Thin Lizzy, Iron Maiden e Police, ai norvegesi Return bastò la pubblicazione di un solo album (To The Top) per attrarre l’attenzione della major CBS,...

Work Of Art – Recensione: Exhibits

Ormai sinonimo di eleganza e classe, gli svedesi Work Of Art firmano il quarto centro con un altro lavoro immacolato, in bilico tra AOR e WestCoast. Le composizioni raffinate di Robert Säll, l’interpretazione appassionata di Lars Säfsund e il puntuale contrappunto della batteria di Herman Furin si arricchiscono...