Fosch Fest: i dettagli della seconda giornata del festival

Continuiamo il nostro excursus nell’edizione 2016 del Fosch Fest, un’edizione che lascerà sicuramente il segno per via dei molti nomi illustri in programma, anche se alcuni di questi esulano da quello che è stato per anni il genere principe del festival. Eccco nei dettagli quali band si esibiranno su entrambi i palchi (una novità dell’edizione 2016) nella giornata di sabato 23 luglio.

DENIAL

Denial

I liguri Denial, attivi fin dal 2000, portano il loro techno death metal in quel di Bergamo. Nella formazione capitanata da Julie Ann troviamo due membri degli ormai sciolti Spite Extreme Wings. Il loro album “Burden Of Lies” del 2014, da cui è stato tratto un video per il brano Countless Dead Bodies”, ha saputo riscuotere i favori degli amanti del genere.

Orario esibizione: (2nd Stage) 15:30-16:00


SINPHOBIA

Isola_Rock_Sinphobia_Anna_Minguzzi

Da Verona con furore, i Sinphobia arrivano al motto di “Assault Your Fears!” e propongono un thrash/death classico privo di fronzoli, apprezzato anche attraverso le due prove in studio (un mini-LP e il primo vero e proprio CD “Awaken” che li porterà a suonare addirittura al Wacken 2016 come band rappresentante l’Italia!

Orario esibizione: (2nd Stage) 17:00-17:30


FALLOUT H.R.

Fallout HR

Direttamente da Chieti i thrasher Fallout H.R. ci proporranno i brani del loro EP “Human Crime” uscito lo scorso anno. Continuamente attivi dal vivo sapranno coinvolgervi in una giornata dove thrash è la parola d’ordine. Pronti a buttarvi nel moshpit con brani come “Silent Deception”?

Orario esibizione: (2nd Stage) 18:45-19:15


UNREDEEMED

08 Unredeemed Livorno 2014

Hanno già suonato con gruppi del calibro di Arch Enemy e Soulfly e sono pronti a pubblicare i loro primo full length “Amygdala”: gli Unredeemed sono pronti a spazzare via tutto con il loro death thrash che vede la presenza in formazione di ex membri di Death SS e Secret Sphere.

Orario esibizione: (2nd Stage) 20:30-21:00


THE MODERN AGE SLAVERY

The Modern Age

Continuiamo con sonorità estreme e con il death metal dei The Modern Age Slavery. Artefici di due album come “Damned To Blindness” del 2008 e “Requiem For Us All” datato 2013 la band emiliana ha saputo nel corso degli anni costruirsi un seguito sempre maggiore affiancando dal vivo band come Thy Art Is Murder.

Orario esibizione: (2nd Stage) 22:30-23:00


ULVEDHARR

godsoffolk2016_01_ulvedharr_marcellafava_09

Giocano in casa anche gli Ulvedharr, col loro death metal old school: un EP e due album all’attivo per questi figli di Odino che di sicuro non sfigurano di fianco a realtà estere ben più blasonate: fare da band d’apertura per Testament e Exodus di certo non può che far accrescere la curiosità nei loro confronti da parte di chi non li ha mai visti on stage.

Orario esibizione: (1st Stage) 14:45-15:30


FLESHGOD APOCALYPSE

FleshgodApocalypse2015l

Il death metal tecnico e sinfonico dei Fleshgod Apocalypse ha oramai raggiunto una sua unicità che ha permesso alla band italiana di raggiungere il traguardo del quarto album ”King” del 2016. La band ha in precedenza sfornato “Oracles” “Agony” e “Labyrith”. Con il loro mix fatto di suoni bombastici senza mai relegare in secondo piano l’aggressività necessaria al genere si fanno apprezzare per degli show sempre di alto livello.

Orario esibizione: (1st Stage) 16:00-17:00


DESTRUCTION

Destruction - Live Music Club - Trezzo Sull'Adda - 11 maggio 2013 - © Mairo Cinquetti-10

Impossibile parlare di metal senza parlare di un gruppo che ne ha fatto la storia: i Destruction! La letale macchina thrash tedesca, forte della pubblicazione dell’ultimo “Under Attack”, arriverà con una sorpresa graditissima per i fan italiani, ovvero suonare “Eternal Devastation” in toto, un album che ha segnato il 1986. Tutti pronti in prima fila per un po’ di sana violenza e di intransigenza metal.

Orario esibizione: (1st Stage) 17:30-18:45


SACRED REICH

Sacred Reich Logo

I Sacred Reich, nome storico del thrash anni ’80, nonostante non pubblichino nuovo materiale da 20 anni (l’ultimo “Seal” è datato 1996) hanno mantenuto quel nome di culto che ha permesso alla band di Phoenix di poter essere attiva dal vivo fino ad oggi. Malgrado nessun album appaia ancora all’orizzonte ci apprestiamo ad un tuffo nel passato con brani tratti dal debutto “Ignorance”,The American Way” del 1990 e ovviamente la storica “Surf Nicaragua”.

Orario esibizione: (1st Stage) 19:15-20:30


AT  THE GATES

01 - At The Gates - 16 Giugno 2015 - Roma - Rock in Roma - Giuseppe Maffia

La storia del death metal svedese, di un certo tipo di sound che combina ferocia e melodie inconfondibili: gli At The Gates sono tutto questo e probabilmente anche molto di più, fonte d’ispirazione per una miriade di gruppi e fan che hanno accolto con giubilo la loro fatica di due anni fa “At War With Reality”, ma di sicuro ognuno vorrà ascoltare ‘uno-due da paura che apre quel mega disco che è “Slaughter Of The Soul”.

Orario esibizione: (1st Stage) 21:00-22:30


ANTHRAX

Anthrax_06 novembre 2015_Zona Roveri_Bologna_Anna Minguzzi-6

Non avrebbero certo bisogno di presentazioni. Rappresentanti del lato più alternativo del famoso quadrilatero del thrash americano gli Anthrax, fondati da Scott Ian nel lontano 1981, ci hanno mostrato con l’ultimo “For All Kings” di avere, a distanza di 25 anni, ancora molto da dire a livello qualitativo. Dalle origini speed di “Fistful Of Metal” attraverso quei must che prendono il nome di “Spreading The Disease” e “Among The Living” i concerti degli Anthrax si distinguono per energia e intensità, e sicuramente al Fosch Fest 2016 non saranno da meno.

Orario esibizione: (1st Stage) 23:00-00:30

Di sicuro una giornata da non perdere per gli appassionati del metal che giungeranno da ogni dove per godersi dei nomi blasonati insieme sullo stesso palco e realtà italiane affermate insieme a quelle che potranno arrivare molto lontano in breve tempo grazie al supporto del pubblico.

Roberto Banfi

view all posts

Punk n roller con ispirazioni gotiche e tracce persistenti di untrue heavy metal, tra Billy Holiday e gli Einsturzende Neubauten sono incappato casualmente negli Iron Maiden. Sogno una collaborazione tra Varg Vikernes e Paolo Brosio. Citazione preferita: ""Il mio dio è più forte"" (Conan il barbaro).

Fabio Meschiari

view all posts

Musica e birra. Sempre. In spostamento perenne fra Asia e Italia, sempre ai concerti e con la birra in mano. Suonatore e suonato, sempre pronto per fare casino. Da Steven Wilson ai Carcass, dai Dream Theater ai Cradle of Filth, dai Cure ai Bad Religion. Il Meskio. Sono io.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login