Zu – Recensione: Jhator

Prima uscita per gli italiani Zu su House Of Mythology (che ospita già gli Ulver) e due sole tracce (ognuna che supera i venti minuti di durata) per questo nuovo lavoro intitolato “Jhator”: un ponte che collega geograficamente e temporalmente Egitto,Tibet e culture come quella Sufi, per citare alcuni capisaldi presenti nell’opera.

Un gong circondato da rumori naturali apre “A Sky Burial”, che via via prosegue su linee che si arricchiscono di elementi diversi come suoni prolungati che sembrano provenire ugualmente da profondità celesti o da abissi ultraterreni (come a sottolineare il titolo del brano) e solo negli ultimi cinque minuti fanno capolini batteria e chitarra in maniera più ortodossa; il delicato suono del koto (ad opera di Michiyo Yagi, già collaboratrice di John Zorn) caratterizza la parte iniziale e finale di “The Dawning Moon Of The Mind”, dove compaiono glitches e pattern elettronici insecondo piano e prendono il sopravvento per poi scomparire tutto d’un tratto facendo recuperare il delicato mood iniziale.

Un disco ambient e particolarissimo, destinato ad ascoltatori dalla mente aperta e che vede la presenza di ospiti come Kristoffer Lo (Highasakite), Jessica Moss (Thee Silver Mt. Zion Memorial Orchestra), Lorenzo Stecconi (Lento), Stefano Pilia (Afterhours e Massimo Volume) che vanno ad arricchire la tavolozza sonora preparata dagli Zu e ben diversa da ciò che si sente live durante i loro concerti: i due brani di “Jhator” fanno vibrare corde dell’anima nascoste e il misticismo di cui è permeato il CD si riesce a sentire in ogni nota, in ogni silenzio ed in ogni suono che fa da collante fra un’esperienza universale totalizzante e le sensazioni dell’ascoltatore.

Di certo non un lavoro facile e nemmeno per tutti: necessario l’approccio di un certo tipo ma interessantissimo per futuri sviluppi che potrebbero rivelarsi una carta vincente nel riappropriarsi di una struttura-canzone più definita.

Voto recensore
7
Etichetta: House Of Mythology

Anno: 2017

Tracklist: 01. A Sky Burial 02. The Dawning Moon Of The Mind
Sito Web: http://www.zuism.net/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login